Coronavirus, l’allarme dell’intelligence: «Italia e Spagna sotto attacco, fake news dalla Russia e dall’estrema destra»

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

 

Coronavirus, fake news dalla Russia e dall’estrema destra. Gruppi organizzati colpiscono nascondendosi dietro falsi profili, monitorati da tempo dai nostri servizi di intelligence, che di recente hanno rafforzato il contrasto. E dove non si tratta di troll, c’è la spinta di chi soffia sul disagio economico. Il fenomeno ha preoccupato l’intelligence italiana, secondo cui la disinformazione sarebbe opera di Stati esteri (152 le fake news dell’ultima settimana provenienti dalla Russia) e dell’ultradestra, che per diffondere questi contenuti utilizza profili marionetta. Intanto una società di intelligenza artificiale ha messo in guardia le autorità giapponesi circa un potenziale aumento della disinformazione legata al “pesce d’aprile”.

Via alla task force tecnologica del Governo. Ieri il ministero dell’Innovazione ha pubblicato l’elenco dei 74 esperti che compongono la task force che dovrà giudicare le migliori tecnologie da mettere in campo per combattere il Coronavirus.

34 milioni gli italiani si collegano a Internet utilizzando smartphone o tablet, spendendo in media circa 2 ore al giorno. Per il 71% di questi mobile surfer tra le attività svolte assumono un peso significativo la ricerca di informazioni, gli acquisti, le attività di contatto e di relazione con i brand. In particolare il 56% di loro utilizza lo smartphone per fare acquisti online e, tra questi, circa il 40% lo fa solo o prevalentemente tramite questo device (dati: Politecnico di Torino).

Coronavirus, quanto crescono le app? Il caso più eclatante è Zoom, il servizio di videoconferenza che dal 31 gennaio al 23 marzo ha guadagnato il 101% in Borsa. Significativo anche il dato di Netflix: secondo i dati di Sensor Tower in Italia i download dell’app di Netflix sono aumentati del 66%, in Spagna del 35%. In Cina, a viaggiare in velocità sono le piattaforme di gioco online. Rispetto a un anno fa, Amazon ha aumentato la vendita di medicinali del +9%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ansa, appello dei giornalisti a editori, governo e istituzioni: azioni per salvaguardare l’agenzia

Ansa, appello dei giornalisti a editori, governo e istituzioni: azioni per salvaguardare l’agenzia

Quotidiani, a marzo crollo degli investimenti pubblicitari, -33,7%. Fcp Assoquotidiani: primo trimestre -17,7%

Quotidiani, a marzo crollo degli investimenti pubblicitari, -33,7%. Fcp Assoquotidiani: primo trimestre -17,7%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%