Giancarlo Leone presidente Apa per altri tre anni. “Ora si deve ripartire”

Giancarlo Leone è stato confermato per il prossimo triennio presidente della Associazione Produttori Audiovisivi (APA) con il voto unanime dell’Assemblea, espresso in modalità remota e segreta. La designazione ed il progetto programmatico erano stati precedentemente votati, sempre all’unanimità, dal Comitato Direttivo.

Giancarlo Leone

E non poteva essere che cosi dopo il lavoro svolto da Leone negli scorsi anni per i produttori italiani che peraltro si trovano ad affrontare la drammatica situazione di blocco di tutti i set e le produzioni a causa delle restrizioni per l’emergenza Covi 19. Una situazione che Leone illustra bene nel suo discorso programmatico in cui dice:

“Il prossimo triennio del mandato sarà dedicato prevalentemente alla ricostruzione ed alla ripartenza della filiera dell’audiovisivo (serialità tv, film, intrattenimento, documentari, animazione) che è stata travolta, come tutti i settori vitali del Paese, dalla emergenza Covid-19. Il settore ha un volume della produzione superiore ad 1 miliardo di euro l’anno ed un livello di oltre 100 mila occupati direttamente ed indirettamente. In questa fase è tutto fermo con danni straordinari per le imprese ed i lavoratori. Ogni mese di fermo equivale a circa 100 milioni di danni”. Il presidente di APA ha però sottolineato “la significativa sensibilità del governo ed in particolare del MIbact per individuare le misure idonee a fronteggiare insieme la crisi” e si attende “altrettanta attenzione, nell’interesse comune, da parte delle emittenti televisive nazionali free, pay e delle piattaforme on demand che sono i naturali e principali partners dell’audiovisivo”.

Leone non ha bisogno di presentazioni, ma un piccolo refreshing del suo stato di servizio può essere utile. Manager con lunga esperienza alla Rai, dove è stato amministratore delegato di Rai Cinema, vicedirettore generale, direttore di Rai1, docente all’Università LUISS, Leone è attualmente amministratore delegato di Q10 Media, società da lui fondata insieme al moglie Diamara Parodi Delfino, boutique di eccellenza nel campo della consulenza strategica e della comunicazione

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti