Bonus giornalisti, torna attiva la casella Inpgi. Macelloni: valanga di richieste

Condividi

E’ di nuovo attiva la casella di posta dell’Inpgi dedicata alle domande per ottenere i 600 euro previsti dal provvedimento governativo a favore degli iscritti agli enti previdenziali dei professionisti, nel caso dei giornalisti alla gestione separata, l’Inpgi 2.

“Sì questa notte il nostro server di posta è andato in tilt, dato il volume di messaggi ricevuti in un intervallo brevissimo di tempo. Praticamente in pochi minuti, a partire dalla mezzanotte, sono arrivate 2500 richieste”, racconta la presidente dell’Inpgi Marina Macelloni.

Marina Macelloni (foto Associazione Ligure Giornalisti )

“Ad ogni modo, non si preoccupino quanti si sono visti rifiutare la richiesta: si può rimandarla mettendo di seguito il messaggio di mancato recapito generato dal server. Noi, come l’Inps, a differenza di altre casse di previdenza avevamo già messo a disposizione i moduli confidando che il decreto venisse pubblicato entro la fine del 31 marzo. E’ avvenuto. Così il server dell’Inpgi, come quello dell’Inps, hanno dovuto di colpo far fronte a una vera e propria valanga di richieste”.

Di seguito il comunicato dell’Inpgi:
“A seguito dell’enorme afflusso di domande (oltre 2.000 in meno di un’ora) per l’ottenimento del Bonus di 600 euro annunciato dal Governo in favore degli iscritti agli enti previdenziali dei professionisti, il server di posta dell’Inpgi ha subito un temporaneo blocco tecnico. La casella mail dedicata bonuscovid19@inpgi.it è già nuovamente attiva e gli iscritti che si sono visti rifiutare la consegna della domanda nel periodo di sospensione dei sistemi possono inviarla nuovamente, riportando in calce il messaggio di mancato recapito generato dal server, che riporta la data e l’ora del primo invio.

L’Inpgi, nel formare la graduatoria delle istanze, terra conto della cronologia relativa al primo invio, anche se non andato a buon fine a causa dell’inconveniente tecnico verificatosi, che – pertanto – non ha comportato alcuna penalizzazione per gli iscritti”.