Rai e Ang firmano protocollo d’intesa. Azioni comuni sui cittadinanza europea, partecipazione e inclusione sociale

Rai e l’Agenzia Nazionale per i Giovani hanno sottoscritto oggi un protocollo d’intesa finalizzato alla promozione e alla valorizzazione del ruolo dei giovani nel nostro Paese, accompagnandone la crescita attraverso attività educative e formative atte a sviluppare l’empowerment generazionale.

Fabrizio Salini (Foto ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

L’obiettivo dell’accordo è lo svolgimento di azioni comuni sui temi della cittadinanza europea, della partecipazione e dell’inclusione sociale, per proporre percorsi di emersione, acquisizione e valorizzazione delle competenze dei giovani, sia in ambito formale che non formale, con esperienze che forniscano loro occasioni di dialogo e confronto costruttivo.

A firmare il protocollo sono stati l’Amministratore Delegato RAI Fabrizio Salini e il Direttore Generale dell’Agenzia Domenico De Maio.

In particolare, Rai e Agenzia Giovani intendono promuovere e valorizzare le reciproche iniziative attraverso eventi istituzionali, rubriche tematiche, inchieste, dibattiti, talk show, reportage, spot e campagne di sensibilizzazione per il progresso sociale e lo sviluppo culturale, professionale e umano dei giovani.

L’accordo prevede, inoltre, l’istituzione di un gruppo di lavoro paritetico composto da rappresentanti di Rai e Agenzia Giovani con il compito di individuare iniziative volte a supportare e favorire il più possibile la partecipazione dei giovani ed accrescere la consapevolezza del loro valore nella società.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali