Nasce DataLit.AI, ad network data-driven che applica l’AI al programmatic advertising

Nasce DataLit.AI, ad network creato da PaperLit in collaborazione con 3rdPlace, tech company fondata da ex dirigenti di Google e specializzata nella governance dei dati, nel data modeling e in piattaforme dati basate su AI. Entrambe le società fanno parte del gruppo Datrix.

Come spiega un comunicato, in uno scenario in cui quest’anno per la prima volta la pubblicità online supererà il 50% degli investimenti totali (fonte: Warc Data, State of the industry: 2020), le soluzioni di data monetization di DataLit.AI, oltre ad Editori e Advertisers, si aprono anche a online Retailers interessati a monetizzare, tramite la vendita di advertising sulle loro properties digitali, i dati preziosi della loro ampia base di utenti. Tutti e tre gli attori condividono un obiettivo comune reso esplicito dallo slogan ‘Intelligence drives revenue’: generare entrate aggiuntive, vendere/raggiungere audiences non standard, super-profilate e con con maggiore propensione all’acquisto.

Caratteristica di DataLit.AI, riporta sempre una nota, è la iper-profilazione predittiva dell’utenza a favore dell’iper-targeting degli Advertisers. Grazie ad un pixel inserito all’interno delle pagine di Retailers e Publishers o agganciando i loro Google Analytics 360 e Adobe Analytics, la tecnologia intelligente sottostante a DataLIt.AI può identificare gli interessi granulari degli utenti che navigano il sito o app mobile, segmentare automaticamente in cluster con caratteristiche simili, predire la propensione all’acquisto.

DataLit.AI

Editori e Blogger monetizzano l’advertising venduto in programmatic (open market, private deal e PMP) e riducono l’invenduto grazie a: profilazione granulare dell’inventory che genera un aumento della resa degli spazi pubblicitari (RPM); agli algoritmi di ottimizzazione dinamica del bidding e in particolare all’header bidding che offre la prima chiamata simultaneamente a più demand partner (invece del tradizionale metodo a cascata); ad un sistema di retribuzione a CPM con ottimizzazione real time; al supporto SEO per incrementare il traffico organico a siti e app.

DataLit.AI può gestire il traffico delle campagne pubblicitarie vendute direttamente e Il 100%
dei ricavi da AdSense, già eventualmente utilizzato, rimangono agli Editori. La conoscenza dell’audience permette poi attività di marketing personalizzate dei publishers stessi, anche grazie ai marketing tool di push ed email notification messi a disposizione. Per gli Editori è possibile anche la monetizzazione degli archivi ancora cartacei o in formato .pdf grazie alla soluzione MagPedia.

I Retailers online ottengono una nuova fonte di ricavi. Solo 1,7% del traffico che arriva sui canali
digitali conclude l’acquisto (fonte: E-commerce KPI benchmarks 2019 – Wolfang Digital). Grazie all’AI
la Data Monetization di Datalit.AI trasforma anche il restante 98,3% del traffico, ossia coloro che non
comprano, in valore economico con: advertising venduto in Private Deal così da evitare che concorrenti o aziende non etiche espongano pubblicità sul sito del Retailer; advertising venduto a Partner commerciali, così da offrire loro un ROI più elevato; Self Promotion Ads per creare esperienze migliori per i clienti dell’e-commerce stesso.

DataLit.AI

L’advertising non cannibalizza l’attività core degli e-commerce e non compromette la user
experience dei clienti, infatti non viene mostrato sulla home page e sulle pagine del carrello, ma solo
in determinate sezioni del sito (pagine categoria prodotto, marketplace, prodotto sotto la
descrizione, risultati ricerca) e in posizioni specifiche.

Gli Advertisers aumentano il conversion rate grazie a: iper-targeting sulla base di interessi granulari (ad esempio appassionati di auto d’epoca, non generici appassionati di auto), potere di spesa, predisposizione all’acquisto e criteri geo-local (ad esempio utenti che insistono su aree con loro maggiore presidio commerciale); audience non standard, in particolare quelle dei Retailers finora irraggiungibili.

L’Ad Network DataLit.AI è In linea con le loro più volte reclamate esigenze di maggior trasparenza e
brand safety.

“DataLit.AI è la nuova dimostrazione concreta che il gruppo Datrix non è la semplice somma delle
società controllate – ha dichiarato Fabrizio Milano d’Aragona, ceo di Datrix – È il modo migliore
per fornire in modo integrato alle aziende le soluzioni, i servizi e le competenze specialistiche di
ognuna. Riteniamo che la governance e l’uso intelligente dei dati sia e debba essere sempre più un
fattore di antifragilità delle imprese, resistente anche alla disruption di fattori esogeni come quelli di
questi giorni”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

AudiOutdoor, mobilità post lockdown: + 90% a Milano, +116% a Roma

AudiOutdoor, mobilità post lockdown: + 90% a Milano, +116% a Roma

Generali lancia la campagna #InsiemeGeneriamoFiducia

Generali lancia la campagna #InsiemeGeneriamoFiducia

All’agenzia loyalty Promotica il 100% delle azioni di Kiki Lab-Ebeltoft Italy, società attiva nel settore retail

All’agenzia loyalty Promotica il 100% delle azioni di Kiki Lab-Ebeltoft Italy, società attiva nel settore retail