Bologna Children’s Book Fair diventa virtuale

Condividi

La Bologna Children’s Book Fair, annullata per l’emergenza Covid-19, diventa virtuale e inaugura un nuovo hub a partire dal 4 maggio. La 57esima edizione della manifestazione dedicata allo scambio di diritti nel mercato dell’editoria per bambini e ragazzi, che si sarebbe dovuta aprire il 30 marzo a Bologna, era stata riprogrammata a maggio, ma poi cancellata per la pandemia.

Bologna Fiere ha deciso quindi di portare online il business, l’atmosfera, i contenuti e le opportunità della Fiera Internazionale del Libro per Ragazzi per tutti i professionisti del settore. Le attività, in partenza a maggio, sono programmate per svolgersi anche nei mesi successivi.

Il centro di questa fiera virtuale sarà costituito da Bologna Children’s Book Fair Global Rights Exchange, un hub per lo scambio dei diritti online che rimarrà aperto tutto l’anno, realizzato in collaborazione con la consolidata piattaforma PubMatch, con base negli Stati Uniti.

La piattaforma consentirà ai quasi 1500 espositori registrati per BCBF 2020 di presentare i propri titoli, fare e ricevere offerte, programmare video-incontri con altri partecipanti registrati. Alla piattaforma potranno accedere anche gli editori e agenti letterari che hanno partecipato come visitatori nel 2019 e che si erano già preregistrati per l’edizione 2020.
Previste anche presentazioni online, con booktrailer, interviste, webinar e annunci in diretta streaming. Poi un blog dedicato, con informazioni aggiornate, inclusi i principali appuntamenti, interviste, rubriche di ospiti e link ad articoli.

Con l’occasione, Bologna Fiere ha annunciato già le date dell’edizione 2021 che si svolgerà dal 12 al 15 aprile.