Bogarelli, Mediapro: situazione complicata perchè da diritti tv 60% ricavi squadre di Serie A; qualcuna preferirebbe non riprendere

Intervistato da Radio Sportiva, Marco Bogarelli, manager di Mediapro, ha inquadrato così la questione relativa ai diritti tv della Serie A in questo momento di stallo imposto dall’emergenza Covid-19: “Essendo i diritti tv pari al 50/60% dei ricavi di ogni società di Serie A, la situazione che si prospetta è particolarmente complicata – spiega -. Ad oggi i club hanno ricevuto circa l’82% dei diritti tv a fronte di circa il 66% di partite giocate.

Marco Bogarelli, presidente di Infront Italy (foto Sporteconomy)

Marco Bogarelli, presidente di Infront (foto Sporteconomy)

Se i broadcaster possono rivalersi? È un’ipotesi, dipende da come sono stilati i contratti. Da noi il calcio fattura da solo 4,5 miliardi di euro e con l’indotto arriva a 6. Ci sono squadre che sarebbero più che felici di non ricominciare il campionato, ma credo che la Serie A debba agire e decidere da sistema. Per programmare una ripresa a fine maggio devi iniziare a parlarne adesso, poi se è possibile tornare in campo oppure no dipende dall’evoluzione sanitaria. La UEFA è stata l’ultima a prendere decisioni, la precedenza va ai campionati e non alle coppe”. (FcInternews.it)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il Campionato MotoAmerica Superbike 2020 trasmesso sui canali Eurosport dal 30 maggio

Il Campionato MotoAmerica Superbike 2020 trasmesso sui canali Eurosport dal 30 maggio

Calcio e diritti tv. Lega di Serie A fa causa a Sky per i mancati pagamenti

Calcio e diritti tv. Lega di Serie A fa causa a Sky per i mancati pagamenti

‘L’ impatto del COVID-19 sulla Sport Industry’. Domani webinar gratuito by Mgp Sport Consulting

‘L’ impatto del COVID-19 sulla Sport Industry’. Domani webinar gratuito by Mgp Sport Consulting