Rai, Barachini: organizzare i palinsesti per studenti in modo organico. Garantire informazione equilibrata e di qualità

“Con riferimento all’offerta didattica e formativa, anche tenuto conto della recente adozione di un decreto-legge che delinea modalità peculiari di svolgimento degli esami conclusivi del primo e del secondo ciclo di istruzione, si constata con favore la pluralità ed il livello qualitativo delle iniziative e dei progetti  che sono disponibili sui canali tematici e sulle piattaforme del Servizio pubblico, sebbene se ne ravvisi un carattere disorganico, eccessivamente frammentato e dispersivo che si ripercuote inevitabilmente sulla sua fruizione”. Così il presidente della commissione di Vigilanza Rai, Alberto Barachini, in una lettera ai vertici del servizio pubblico, inviata dopo una riunione, che si è svolta ieri in videoconferenza, dell’Ufficio di presidenza integrato dai rappresentanti dei Gruppi della commissione.

Alberto Barachini (Foto ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

“Al fine di venire incontro alle esigenze avvertite e segnalate da parte della comunità degli studenti, delle loro famiglie e dal mondo scolastico, occorre che la Rai, nelle forme che in concreto sono rimesse alla sua autonomia, delinei, nell’arco di pochi giorni – coordinandosi con il ministero dell’Istruzione ai fini dello svolgimento dei programmi scolastici e dandone rapida comunicazione alla commissione – i propri palinsesti ed il grado complessivo della programmazione didattica in modo più organico ed ordinato e dia impulso ad una campagna di informazione e di sensibilizzazione sulle varie iniziative proposte, anche e soprattutto nelle fasce di maggiore ascolto, per contribuire ad una loro più adeguata conoscenza ed all’accesso dei temi e degli argomenti che sono trattati per le varie discipline e materie e secondo i bisogni delle diverse categorie di studenti”.

“La commissione ha inoltre appreso che l’azienda ha istituito un’apposta struttura per il contrasto alle fake news, affidata alla responsabilità del direttore di Rainews, Antonio Di Bella – scrive ancora Barachini . A tale riguardo, ogni sforzo diretto ad arginare il fenomeno della disinformazione e delle fake news, soprattutto nel momento attuale, è certamente apprezzabile oltre che essere coerente con i principi e le linee di indirizzo che questa commissione hanno individuato nella risoluzione approvata all’unanimità nella seduta del 9 ottobre 2019. Si sollecitano a tal fine maggiori dettagli informativi sul perimetro di azione della struttura che è stata istituita, sulle sue finalità ed iniziative sulle quali la commissione richiede di essere costantemente ed adeguatamente aggiornata, riservandosi di programmare una specifica audizione dell’amministratore delegato e dello stesso direttore di Bella”.

“Un ulteriore aspetto emerso – che si sottopone alla vostra valutazione – attiene all’inserimento nella piattaforma di RaiPay di un’apposita sezione speciale sull’emergenza Covid-19 – sottolinea ancora – che raccolga in unico spazio tutte le informazioni essenziali sull’argomento, anche e soprattutto in relazione alle diverse forme di sostegno per cittadini, famiglie ed imprese, previste da una normativa assai articolata ed in costante aggiornamento, la quale però rischia di non essere conosciuta proprio da coloro che possono trarne beneficio”.

“Si reputa inoltre utile – conclude Barachini – ribadire, a tutela della credibilità e dell’autorevolezza dell’azienda, in qualità di concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo e multimediale, la necessità di garantire un’offerta informativa che si contraddistingua per qualità, equilibrio e rigore e che venga declinata senza inutili enfasi o drammatizzazioni, coniugando completezza ed essenzialità, nell’ambito dei tradizionali spazi informativi del servizio pubblico.”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali