Europei sempre più impegnati a cercare news. Come cambiano i comportamenti online durante il lockdown

Con lo scoppio dell’emergenza Coronavirus, i consumatori di tutta Europa hanno avuto il tempo di riprogettare le loro routine quotidiane e, la ridotta gamma di attività all’aperto o offline li ha costretti a spostarsi online.

Comscore ha esaminiamo come i consumatori in Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito trascorrono il loro tempo connessi.
Nell’analisi sono state classificate e confrontate varie categorie di contenuti, guardando alle visite nelle settimane dal 13-19 gennaio 2020 (quando i consumatori di tutto il continente hanno ripreso la loro routine pre-festiva e l’effetto del virus non è emerso per altre settimane) e dal 23-29 marzo 2020.

1. FRANCIA
Le visite ai siti o alle app di social media superano quelle alle altre categorie, un pattern che vale anche per gli altri paesi Eu considerati. Le prime 5 categorie prima della crisi (settimana del 13-19 gennaio 2020) rimangono le prime 5 categorie durante la settimana del 23-29 marzo 2020. Inoltre le visite a tutte e cinque sono aumentate in modo significativo. Tuttavia, le posizioni relative differiscono, con la categoria “News/ Informations” più alta a causa di un balzo del 68% in termini di visite.

 

 

2. GERMANIA
Contrariamente alla Francia, la categoria “Retail” è tra le prime 5 categorie in Germania, mentre la categoria “Games” no. Tuttavia analogamente alla Francia, le prime 5 categorie prima della crisi rimangono le prime 5 categorie nella settimana di marzo. Inoltre, sono aumentate le visite a tutte e cinque in modo significativo. Infine, le posizioni relative differiscono, con la categoria ” News/ Informations” più alta a causa di un balzo del 58% nelle visite e la categoria “Search/ Navigation” più alta a causa di un balzo del 20% nelle visite.

 

 

3. ITALIA
L’Italia è stato il primo paese in Europa ad essere colpito del virus e, di conseguenza, il punto focale di molta copertura mediatica. Rispetto alla settimana del 13-19 gennaio 2020, le visite alla categoria ” News/ Informations” sono aumentate del 68% nella settimana dal 23 al 29 marzo 2020. D’altra parte, le visite su “Retail” sono aumentate del 3 %, con il risultato che la categoria ha perso un posto e si è classificata quarta nella settimana dal 23 al 29 marzo 2020.

 

 

4. SPAGNA
Come in altri paesi europei, la categoria “Social Media” genera il maggior numero di visite mentre la categoria “News/ Informations” è quella con la variazione maggiore in termini di visite con un più 59%. A differenza di altri paesi EU5, tuttavia, le visite alla categoria “Retail” sono diminuite del 18%, un notevole calo.

 

 

5. REGNO UNITO
Come la Francia, la categoria “Games” figura tra le prime 5 categorie, sia prima della crisi (cioè durante la settimana del 13-19 gennaio 2020) sia durante la settimana del 23-29 marzo 2020. Le visite a tutte le prime 5 categorie sono aumentate, in maniera tale da mantenere le loro posizioni relative. Ancora una volta, le visite alla categoria ” News/ Informations” mettono in ombra quelle sulle altre categorie.

 

* Le categorie di consumo includono: Automotive, Career Services and Development, Directories/Resources, Education, Entertainment, Family & Youth, Financial Services, Gambling, Games, Government, Health, Lifestyles, Media, News/Information, Real Estate, Retail, Search/Navigation, Social Media, Sports, Technology, Travel.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%