Zoom assume l’ex capo della sicurezza di Facebook Stamos come consulente per la privacy

Zoom, la app per videoconferenze divenuta molto popolare nelle ultime settimane e finita nel mirino delle autorità Usa e non solo per problemi di privacy, ha assunto come consulente l’ex capo della sicurezza di Facebook, Alex Stamos.

“In un tempo di crisi globale, Zoom è diventato n collegamento importante tra lavoratori, famiglie, amici e,più importante, tra insegnati e studenti”, ha scritto Stamos, ora docente all’università di Stanford, in un post sulla piattaforma Medium.
“Zoom ha del lavoro importante da svolgere sulla sicurezza dell’applicazione, dell’infrastruttura e la progettazione crittografica”, ha aggiunto specificando di non essere né un dipendente né un manager di Zoom, bensì un consulente.

Alex Stamos (foto Ansa- EPA/ANDRE KOSTERS)

D’accordo sulla necessità di lavorare è il ceo di Zoom, Eric Yuan, che in un video su YouTube si è scusato per i problemi di privacy e sicurezza. “Abbiamo chiaramente molto lavoro da fare per garantire la sicurezza. Posso promettere che prendiamo queste questioni molto, molto sul serio. Stiamo esaminando ognuna di esse. Se troveremo un problema, lo risolveremo”, ha dichiarato Yuan.

I problemi di privacy hanno portato Google a vietare Zoom per le videoconferenze dei suoi dipendenti, una mossa fatta in precedenza anche dalla Space X di Elon Musk. Restrizioni all’uso della app sono state decise dalla Germania e da Taiwan.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali