Cecconi e Sberna agli affari istituzionali di Cassa depositi e prestiti

Sempre più punto di riferimento dell’economia italiana Cassa depositi e prestiti rafforza la squadra guidata da Davide Colaccino, direttore Relazioni istituzionali, Comunicazione e Sostenibilità. Due sono infatti le new entry nell’area affari istituzionali coordinata da Angelo Grimaldi: Maurizio David Sberna e Linda Cecconi.

Maurizio Davd Sberna lascia dopo quattro anni il Gruppo Basf in Italia dove dal marzo 2019 aveva la responsabilità della Communications & GovernamentRelations del Gruppo Basf in Italia. Dopo aver iniziato come policy advisor al Parlamento Europeo e, successivamente,Sberna è passto come Head of Brusselles Office per Elea, quindi allo Studio Cisnetto nel ruolo di senior associate-pubblic affair e, infine, in Edenred Italia a capo delle relazioni istituzionali e esterne.

Linda Cecconi

Linda Cecconi, una laurea in Relazioni internazionali, un dottorato in Diritto pubblico e un master in Business administration, è stata nella segreteria dei Giovani imprenditori di Confindustria per poi avere esperienze nella commissione Politiche europee e Affari esteri del Senato, presso il Garante della Concorrenza e del mercato, e la Commissione europea. In seguito ha fatto parte del gabinetto del ministero dello Sviluppo economico, gestione Calenda, fino all’agosto 2018 e nel novembre dello stesso anno è diventata direttore generale di Anitec-Assinform, l’Associazione di Confindustria delle imprese di Information & Communication .

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti