Fieg: Antitrust francese su Google è vittoria per editori. Enpa e Siae: recepire subito direttiva Copyright

“Una vittoria per gli editori di giornali di tutta Europa che vedono rafforzata la loro posizione negoziale nei confronti degli Over The Top.” Così il presidente della Fieg, Andrea Riffeser Monti, commenta la decisione dell’autorità per la concorrenza francese, che ha stabilito l’obbligo per gli aggregatori e i motori di ricerca di definire entro tre mesi i negoziati per il riconoscimento del diritto connesso, introdotto dall’articolo 15 della Direttiva Copyright, con effetto retroattivo a far data dal 24 ottobre 2019.

“Una decisione storica che conferma come le nostre richieste e le nostre battaglie siano non solo fondate ma anche giuste. Gli editori nel confronto con gli Ott devono poter contare, come accaduto in Francia, sul sostegno delle istituzioni, con l’obiettivo di difendere l’informazione, le aziende editoriali, i giornalisti e il loro lavoro”, spiega ancora Riffeser.

Andrea Riffeser Monti
(Foto ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

“Auspichiamo che anche il Governo e il Parlamento italiano vogliano recepire al più presto l’articolo 15 della direttiva Copyright, una misura che, senza alcun costo per lo Stato, potrebbe contribuire ad alleviare la crisi del settore, prevedendo espressamente che, in caso di mancato accordo in un termine prestabilito, intervenga l’Autorità di settore a definire le condizioni, anche economiche, della utilizzazione dei contenuti da parte delle piattaforme digitali.”

Carlo Perrone, presidente Enpa (foto ANSA/UFFICIO STAMPA/ANDREA GILARDONI)

Carlo Perrone, Presidente dell’Enpa, l’associazione europea degli editori di giornali, sottolinea la necessità di “procedere con urgenza e con ogni modalità utile all’attuazione di una normativa che può contribuire a riequilibrare la differenza di valore tra stampa e piattaforme digitali, specie oggi che stiamo sperimentando quanto sia importante la differenza fra notizie false e giornalismo professionale.”

Mogol (fot ANSA)

Mogol (SIAE): anche l’Italia recepisca al più presto la Direttiva Copyright

“Ho appreso con soddisfazione la notizia che in Francia l’autorità per la concorrenza ha stabilito l’obbligo per gli aggregatori e i motori di ricerca di definire entro tre mesi i negoziati per il riconoscimento del diritto connesso, introdotto dall’articolo 15 della Direttiva Copyright – ha dichiarato il Presidente SIAE Giulio Rapetti Mogol – Il fatto che oltralpe il governo fosse favorevole all’aggiornamento delle leggi sul diritto d’autore ha facilitato sicuramente le cose”.

“Rinnovo perciò il mio appello al Parlamento italiano affinché anche nel nostro Paese venga recepita al più presto la Direttiva Copyright. È una questione che non ha colore politico, ma va affrontata al più presto – ha aggiunto Mogol – Mi chiedo se sia ancora accettabile che i giganti del web continuino a guadagnare cifre miliardarie sulle spalle dei creativi, che in questo difficile momento sono duramente colpiti anche a causa dell’emergenza sanitaria. Senza diritto d’autore, che è il diritto del lavoro quotidiano di chi crea, la cultura muore, e con lei muore anche l’identità del nostro Paese”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti