Lega e Figc chiedono la ripresa degli allenamenti dopo Pasqua, a livello individuale

La Lega di Serie A e la Federcalcio sono molto preoccupate e stanno spingendo su tutte le forze politiche per trovare un soluzione per far si che si possa riprendere l’attività  fisica per i giocatori professionistici, con una ripresa graduale,  “prima con un ricondizionamento atletico e fisico individuale nei
centri sportivi e poi con la ripresa completa degli allenamenti  tecnico-tattici”, a quanto apprende l’Adnkronos.

Paolo Dal Pino, presidente della Lega di Serie A (Foto ANSA/Mourad Balti Touati)

Molti ministri, in particolare del Pd, sarebbero d’accordo con quanto  proposto da Lega A e Figc e starebbero chiedendo di inserirlo  nell’imminente dpcm, al fine di trovare una soluzione per la ripresa
del mondo del calcio, industria che genera 1 miliardo di gettito fiscale, dopo che “nei giorni scorsi la Federazione Nazionale Medici Sportivi e la commissione medico scientifica della Figc, composta
quest’ultima dal direttore dello Spallanzani e da illustri esponenti scientifici, hanno definito un protocollo per lo svolgimento in totalesicurezza, in ambiente protetto, degli allenamenti dei calciatori
professionisti, prevedendo regole a salvaguardia della salute degli atleti e delle persone coinvolte nelle relative attività; con utilizzopreventivo di esami sierologici e del tampone per ogni atleta”.

Secondo la Lega di Serie A e la Federcalcio “la ripresa degli allenamenti è funzionale a preservare il patrimonio sportivo deiclub e dell’intero movimento evitando il deperimento atletico-fisico,
di professionisti abituati ad allenamenti giornalieri, ormai fermi da oltre 60 giorni, in vista della disputa delle rimanenti partite del campionato, che certamente costituirebbe un segnale decisivo per il
mondo sportivo e per l’intera popolazione. Consapevoli che le stesse partite dovranno esser disputate a porte chiuse”.

Nel prossimo Dpcm in arrivo non è ancora contemplata la ripresa degli allenamenti da parte degli atleti professionistici che secondo Lega A e Figc “sarebbe invece indispensabile e improcrastinabile prevedere,
secondo la tempistica che è stata ipotizzata, dopo attente valutazioni e alla luce delle ultime risultanze: 14 aprile 2020 ripresa con ricondizionamento atletico e fisico individuale nei centri sportivi 4
maggio ripresa completa allenamenti tecnico-tattici”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Calcio, i giornalisti alla Figc: garantire l’accesso alla stampa

Calcio, i giornalisti alla Figc: garantire l’accesso alla stampa

Anche Snapchat blocca Trump: “Non amplificheremo le voci che incitano alla violenza razziale e all’ingiustizia”

Anche Snapchat blocca Trump: “Non amplificheremo le voci che incitano alla violenza razziale e all’ingiustizia”

EMERGENZA COVID19: CHI FA CHE COSA

EMERGENZA COVID19: CHI FA CHE COSA