Covid-19 impatta sulla trimestrale Publicis: taglio dei costi, a cominciare da Sadoun e Levy

Annunciando i risultati finanziari del primo trimestre del 2020, Arthur Sadoun, amministratore delegato di Publicis Groupe, ha potuto parlare di numeri non ancora troppo depressi dalla pandemia in atto, ma comunque già ampiamente ‘contagiati’. Alla fine di marzo, si procedeva con un saldo negativo in termini di crescita organica del -2,9%, ma all’interno di un quadro articolato della composizione di questo bilancio.

L’andamento dei conti , in pratica, è come se raccontasse l’impatto progressivo di Covid-19 sulle varie aree del pianeta. Calo a due cifre in Cina, dell’1,9% in Asia Pacific, del 9,2% in Europa, del 10,9% in America Latina, ma saldo ancora positivo nel primo trimestre in Nord America (+0,5%), Middle East e Africa (+0,6%).

Sadoun ha pianificato e proporrà un dividendo ridotto della metà e pagato a settembre; e poi, nel quadro di una politica di severo contenimento dei costi, mira a un obiettivo di riduzione della voce uscite di € 500 milioni con economie rilevanti per tutti il senior management team dell’azienda. In particolare l’amministratore delegato Sadoun e il presidente Maurice Levy ridurranno il loro “compenso” del 30% durante il secondo e il terzo trimestre, mentre il comitato direttivo ridurrà i propri stipendi del 20%. Sadoun ha confermato che in questa fase le priorità dell’azienda, sono la salute e la sicurezza dei dipendenti, il supporto e la vicinanza ai clienti, e ha detto che è molto difficile fare previsioni e stime di lunga scadenza. Intervistato dalla rivista The Drum, Sadoun ha rimarcato l’importanza del fatto che le aziende accelerino i propri processi di trasformazione digitale. Ma sottolineando pure come fosse la creatività, adesso, la chiave principale per mantenere integro il valore dei brand. Sadoun si aspetta conseguenze economiche di lungo periodo e pensa che Publicis potrà affiancare molto validamente i propri clienti in questo momento critico; clienti che, ovviamente, saranno più che mai alla ricerca di efficienze e risultati comprovati degli investimenti in marketing.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali