Editoria, Martella: presto i motori di ricerca pagheranno i diritti. In arrivo nuove misure per il settore

“Proprio nel momento in cui si richiede al sistema dell’informazione l’impegno a svolgere una funzione di pubblico servizio, dobbiamo a maggior ragione difendere tutta la filiera della stampa dalle perdite dovute alle pratiche illegali”. Così Andrea Martella, sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega all’Editoria, sul Sole 24 ore, a proposito della “linea dura contro i pirati dei giornali” e anche di “nuove misure di sostegno all’editoria”, con allo studio l’aumento degli sgravi per chi investe in spazi pubblicitari e i motori di ricerca che presto in Italia pagheranno i diritti agli editori.

Andrea Martella (Foto ANSA/GIUSEPPE LAMI)

“La volontà è quella di arrivare a una tassazione uniforme in Europa – afferma – e per il futuro una parte della cosiddetta web tax venga destinata a sostenere il settore editoriale. La Fieg ha intanto chiesto la sospensione di Telegram. Il tema è da tempo all’attenzione del Governo. È quanto mai urgente individuare con il Parlamento e in collaborazione con Agcom, nuovi strumenti normativi di contrasto della pirateria e della diffusione illegale di copie dei giornali. Allo stesso tempo, attraverso una campagna di sensibilizzazione anti-pirateria, lavoreremo per far maturare la consapevolezza collettiva del problema”.

Tra le misure di sostegno, Martella spiega che si sta “lavorando a un pacchetto di proposte che riguardano il credito di imposta per la carta ma anche per l’innovazione e il digitale. L’obiettivo è di provare a dare un quadro d’insieme per affrontare questa drammatica crisi. Editoria 5.0 rimane comunque il nostro paradigma di riferimento per una riforma di sistema che dopo 40 anni innovi il settore”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%