16 aprile Doc, boom finale. Del Debbio (Salvini) stacca Formigli (Della Valle)

Era ampiamente scontato il successo dell’ultima puntata di ‘Doc –Nelle tue mani’, che arrivava alla sua prima parziale conclusione (dopo questi primi quattro appuntamenti ne saranno prodotti almeno altri quattro, ma è logico aspettarsi che siano ancora di più, ieri la storia è rimasta monca…) con alle spalle tre eclatanti risultati in crescendo. Così erano tante le scelte tattiche, difensive – nella griglia generalista del 15 aprile – con quattro film e i soliti talk del giovedì impegnati sul corona virus come alternativa. Ecco la classifica del prime time, in ordine di ascolti.

Su Rai1 la quarta puntata di ‘Doc Nelle tue mani’, con Luca Argentero, Matilde Gioli e Sara Lazzaro nel cast, ha ottenuto 8,691 milioni e lo 31,4% di share crescendo ancora. Sette giorni prima aveva conquistato 8,3 milioni di spettatori ed il 30,7% di share, alla seconda puntata aveva fatto 8,044 milioni di spettatori ed il 29% di share.

E subito dopo, in seconda serata, Bruno Vespa è prevalso facilmente (‘Porta a Porta’ 1,634 milioni e 12,7%) sulla concorrenza, ma senza fare sfracelli.

Al secondo posto in graduatoria in prima serata, ma molto distanziata, si è collocata la pellicola fantasy cult di Canale 5. ‘Pirati dei Caraibi- Ai Confini del mondo’, con Johnny Depp protagonista ha raccolto 2,536 milioni di spettatori e 11% di share. Tra gli altri tre film, tutti arrivati dietro i talk per share, questi gli equilibri: in pista c’era la scelta fantasy di Rai2, quella cult di Rai3 e quella action di Italia1

Su Italia1 ‘Momentum’, con Olga Kurylenko e Morgan Freeman, ha avuto 1,296 milioni di spettatori e il 4,4%.

Su Rai3 ‘Il Mostro’ con Roberto Benigni mattatore, ha ottenuto 1,232 milioni di spettatori e il 4,2% di share.

Su Rai Due ‘Captain America-Civil War’, con Chris Evans, Robert Downey Jr., Scarlett Johansson, Jeremy Renner, Daniel Briihl, Don Cheadie, Paul Bettany, si è fermato a 940mila spettatori e il 3,4%.

Questo il bilancio, invece, e l’ordine di arrivo dei due talk d’informazione, con Paolo Del Debbio e Corrado Formigli drasticamente diversi nel tratteggiare l’ipotesi di una fase due: entrambi hanno cominciato con un servizio pop, ma poi si è dimostrato sostanzialmente ‘aperturista’ Paolo Del Debbio, che ha schierato il segretario della Lega Nord nella prima parte della trasmissione; mentre molto più cauto è sembrato Corrado Formigli, che si è opposto con lo scienziato Alessandro Vespignani e Diego Della Valle nella fase clou della sfida delle scalette.

Su Rete4 ‘Dritto e Rovescio’, quindi, proponendo tra gli ospiti collegati Matteo Salvini, Gianluigi Paragone, Ignazio Corrao, Antonio Maria Rinaldi, Ettore Rosato, Tobias Piller, Giuseppe Cruciani, ha conquistato 1,684 milioni di spettatori ed il 7,1% di share.

Su La7 ‘Piazzapulita’ ha avuto tra gli ospiti Alessandro Vespignani, Diego Della Valle, Tito Boeri, Carlo Cottarelli, Francesco Boccia, Sabino Cassese, Marco Damilano, Alessandro De Angelis, Stefano Massini. Così confezionato ha riscosso 1,1 milioni di spettatori ed il 4,8%.

In access è andata molto bene Lilli Gruber, che si avvantaggia ancora del fatto che Rai3 trasmetta le repliche di ‘Un Posto a sole’ ed è prevalsa, nell’ordine, su Barbara Palombelli (bene nella prima parte con Luigi Di Maio) e su Manuela Moreno (male con Maria Elena Boschi). Ma vediamo come erano schierate e che risultati hanno portato a casa le signore dell’access.

Su La7 ‘Otto e mezzo’, con Lorenzo Bini Smaghi, Vittoria Colizza, Maurizio Landini, Massimo Giannini ospiti, ha avuto 2,584 milioni di spettatori e 8,6%.

Su Rete4 ‘Stasera Italia’ nella prima parte con Luigi Di Maio ha conseguito 1,626 milioni ed il 5,6%.

e quindi con Tommaso Labate, Giulio Tremonti, Daniele Capezzone e Bobo Craxi ha ottenuto 1,516 milioni e il 5%.

Su Rai2 ‘Tg2 Post’ con Maria Elena Boschi, Massimo D’Amore, Maurizio De Giovanni e un‘intervista lampo a Silvio Brusaferro tra gli ingredienti, ha raccolto 1,241 milioni di spettatori e il 4,1% di share.

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali