Decreto aprile: allo studio nuovi interventi per editoria su pubblicità, carta, Iva e per giornali online

Esecutivo al lavoro a pieno ritmo sul decreto aprile, che insieme agli interventi generali, rivolti a cittadini e imprese, conterrà anche iniziative mirate a particolari settori, tra cui un pacchetto dedicato specificatamente all’editoria.

I temi sul tavolo, per quanto concerne il comparto, riguardano: l’attivazione del credito sulla carta, che richiede un investimento particolarmente oneroso; per il settore online, aiuti per le spese sostenute per server, banda, hosting; raddoppio del fondo per il credito di imposta sugli investimenti pubblicitari, dagli attuali 30 a 60 milioni di euro con il contestuale innalzamento della quota del credito dal 30 al 50%. Si valuta anche l’abbattimento dell’Iva sui prodotti editoriali, che dall’attuale 80% dovrebbe arrivare al 100%, cioè all’esenzione totale. Resta decisamente più defilato, per i problemi anche di carattere politico nella maggioranza, il tema della pubblicità legale, ovvero il ritorno dell’obbligo di pubblicazione sui giornali cartacei oltre che on line degli avvisi giudiziari.

La sala del Consiglio dei ministri

La sala del Consiglio dei ministri

Il provvedimento è ancora in via di definizione e l’istruttoria ancora aperta. Sulle risorse complessive disponibili da mettere in campo potranno giungere chiarimenti anche da Bruxelles e dal prosieguo delle trattative al Consiglio europeo di giovedí prossimo, che se pur informale darà indicazioni di rotta importanti a tal fine. La tempistica è stretta. La settimana prossima il consiglio dei ministri formulerà la richiesta di scostamento dagli obiettivi di finanza pubblica, proprio in vista del decreto aprile, atteso non prima della fine della settimana prossima o all’inizio della successiva.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali