Braccio di ferro sindacale alla Gazzetta dello Sport

Saltata un’ultima mediazione, alla Gazzetta dello Sport i giornalisti riuniti telematicamente in assemblea permanente hanno emesso un duro comunicato nei confronti dell’editore.

Al quotidiano sportivo milanese da gennaio è in corso una trattativa sulla richiesta da parte dell’azienda di un piano di riorganizzazione che, tra l’altro, prevedeva il prepensionamento di 15 giornalisti. La trattativa era giunta a uno stato avanzato fino a quando, con l’emergenza causata da Covid-19, i provvedimenti governativi hanno sospeso tutte le manifestazioni sportive. Un colpo molto duro per tutti i media legati allo sport, a cui si è aggiunto anche il rinvio di tutti gli eventi in programma (tra cui Giro d’Italia, Tour de France, Campionati europei di calcio e Olimpiadi), con pesanti conseguenze sul lato della diffusione (ha contribuito anche la chiusura dei bar dove arrivava almeno di una copia della testata) e della raccolta pubblicitaria .

Una situazione che, di fatto, ha costretto a ridefinire anche i termini delle trattative sindacali in corso, tra cui quelle della Gazzetta dove è iniziato un duro braccio di ferro tra azienda e giornalisti.
Questa settimana sembrava fosse arrivata una soluzione che prevedeva il ricorso alla cassa integrazione legata all’emergenza Covid per 3 giorni (1 in aprile, 2 a maggio), più 24 giorni, uno al mese, dal gennaio 2021 al dicembre 2022, legati all’uscita in prepensionamento fino a 15 giornalisti e al congelamento degli stage per aggiornamento professionale. Un pacchetto, però, che l’editore ha giudicato insufficiente per far fronte alla situazione attuale. Rcs ha infatti chiesto di ricorrere già ora a 24 giorni di cassa integrazione legata all’emergenza coronavirus per arrivare a un taglio di costi nel breve. La redazione ha risposto chiedendo, come segnale di disponibilità per la ripresa delle trattative e in attesa di discutere un piano di tagli, di permettere di lavorare questa domenica a 70-80 giornalisti su 152.

“I giornalisti della Gazzetta in questi anni non si sono mai tirati indietro alla richiesta di sacrifici, hanno in pratica già annullato il monte ferie arretrate, e le buste paga in queste si sono fortemente ridotte con il mancato lavoro domenicale”, dicono in redazione. Per anni abbiamo portato risultati all’intero gruppo. La Gazzetta è una testata con una storia importante e ci impegneremo affinché continui”.

Il comunicato del Cdr della Gazzetta dello Sport

L’emergenza coronavirus ha prodotto effetti pesantemente negativi sull’economia nazionale e ovviamente anche sul mondo dell’editoria. La Gazzetta dello Sport è stata coinvolta dalla crisi e la sua redazione ha prontamente risposto con senso di responsabilità alla richiesta di sacrifici manifestata dall’editore: in un momento di difficoltà generale, nel quale l’Italia intera si è trovata a contare un numero altissimo di perdite e poi a confrontarsi con un enorme problema economico, tutti sono chiamati a fare la propria parte con lo spirito giusto condividendo la sofferenza generale e provando al contempo ad accelerare l’indispensabile ripartenza.

Così la redazione della Gazzetta dello Sport ha contribuito immediatamente accettando la richiesta di aiuto da parte dell’azienda. Avremmo potuto discutere a lungo sulla necessità di aiuto per un’azienda come RCS il cui presidente Urbano Cairo ha da poco proposto all’assemblea dei soci la distribuzione dei dividendi per un totale di 15 milioni di euro, dopo i 31 milioni del 2019. Ma la redazione ha deciso di non discutere e di partecipare in modo sensibile ai sacrifici che tutto il Paese sta affrontando.

Poi, però, la realtà viene a galla. E si scopre che il presidente Cairo pretende in tempi brevissimi dai redattori della Gazzetta dello Sport un contributo di un milione e centomila euro: una somma enorme, ingiustificata alla luce della florida situazione economica dell’azienda, che ha accumulato 228 milioni di profitti negli ultimi quattro anni grazie al contributo determinante del sistema Gazzetta, e pesantissima da sopportare per le famiglie dei redattori. Si scopre anche che, mentre tutto il mondo calcistico cerca la strada migliore per ripartire con conseguenti benefici per tutto ciò che gravita intorno al pallone (compresi migliaia di posti di lavoro e anche il ruolo centrale della Gazzetta dello Sport), il presidente Cairo è – insieme a quello del Brescia – l’unico massimo dirigente della Serie A che non perde occasione per schierarsi contro la ripresa del campionato con dichiarazioni pubbliche e con la continuativa assenza alle assemblee di Lega.

Purtroppo le recenti decisioni del presidente Cairo nei confronti della redazione non solo sono avvilenti sul piano umano, nel momento in cui tanti altri imprenditori si mostrano solidali con i dipendenti e si prodigano piuttosto in donazioni particolarmente importanti a favore del sistema sanitario, ma sono anche profondamente offensive nei confronti dei giornalisti della Gazzetta dello Sport. Quei giornalisti che, con i loro contatti, la loro professionalità, la loro passione, sono tra l’altro anche i principali fautori e garanti del successo del Festival dello Sport di Trento, che porta oltre un milione ogni anno al bilancio dell’azienda. Quei giornalisti che negli ultimi anni, di fronte a progetti di digitalizzazione piuttosto fumosi, non si sono mai nascosti dietro al contratto, non hanno mai guardato l’orologio, non si sono mai tirati indietro chiedendo solo la possibilità di svolgere il proprio lavoro con dignità, indipendenza, passione. Quei giornalisti che negli anni scorsi hanno fatto in modo che la Gazzetta fosse la locomotiva del gruppo e che adesso, in un momento di comprensibile difficoltà, vengono attaccati in modo quasi provocatorio.

Noi continueremo a fare il nostro lavoro e a prenderci le nostre responsabilità, come abbiamo sempre fatto e specialmente da quando si è manifestata in Italia la crisi dettata dal coronavirus. Confidiamo a questo punto che l’azienda abbia progetti di rilancio e di sviluppo più illuminati rispetto all’attacco degli stipendi dei dipendenti. E che accetti di ricondurre la trattativa sindacale su dialettiche normali abbandonando l’incomprensibile strategia di presentare proposte irricevibili che sviliscono la disponibilità e il buon senso sempre dimostrato dalla redazione che resta così in stato d’agitazione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti