L’emergenza cambia le ricerche degli italiani. Molto ‘googlate’ news tech meno le sportive. Bene libri, calo ricerche adult

Cosa cercano gli italiani sul web in questa fase di emergenza coronavirus? Risponde una ricerca di  SEOZoom che ha analizzato i trend delle ricerche organiche ossia i  risultati forniti da Google e dagli altri motori di ricerca quando una persona digita una parola o una frase. 

Analisi e interpretazioni di SEOZoom 

Il primo ed evidente effetto è un aumento complessivo del totale di ricerche, incrementate del 40% indipendentemente dal settore. Il lockdown ci fa trascorrere più tempo in casa, che le persone sfruttano per informarsi e ricercare su Google ciò di cui hanno bisogno.

E proprio bisogno e utilità sono i due fattori decisivi che spiegano l’evoluzione delle abitudini online degli italiani in questi ultimi mesi: gli unici settori che hanno subito un reale calo dell’interesse sono quelli attualmente impossibilitati ad esercitare l’erogazione del servizio o prodotto, come il turismo, gli hotel, i voli, il settore automobilistico. Al contrario, tutti gli altri ambiti online hanno riscontrato un aumento delle ricerche, legato a esigenze informative o pratiche delle persone.

Ma per comprendere al meglio i dati bisogna anche studiare le intenzioni dietro ad ogni ricerca, che sono completamente cambiate: ad esempio, l’aumento registrato per il settore “Sport” è motivato da una trasformazione totale delle parole chiave più googlate. Se prima erano il calcio e le partite ad attirare gli utenti, ora l’interesse si è spostato fortemente verso l’allenamento autonomo e, per i più ottimisti, verso gli sport invernali, la pesca e la corsa (che permettono maggiore isolamento).

Guardando rapidamente i dati aggregati dei singoli settori, saltano agli occhi l’incremento del comparto “Casa e Giardino” (quasi il 200 per cento di ricerche in più, soprattutto per le soluzioni di home decor), di “Libri e Letteratura” e dei “Giochi”, chiari effetti della maggiore disponibilità di tempo da trascorrere a casa (e impiegare in qualche modo). Tra i segmenti in negativo, invece, si segnalano “Sport”, “Gambling”, “Auto e Veicoli”, “Adult” e “Viaggi”.

All’analisi macroscopica si accompagna anche un’indagine più dettagliata sulle singole voci dei 28 settori online italiani studiati da SEOZoom, che pone l’accento su alcune dinamiche molto interessanti: ad esempio, nell’ambito delle “News” c’è una impennata delle ricerche per le notizie di tecnologia (+ 103%) e un crollo per le notizie sportive (- 70% a causa dei campionati fermi in tutto il mondo per ogni disciplina). E nel settore “Auto e Veicoli” a fronte di una discesa per tutto quello che ad oggi non è fruibile (vendita e noleggio auto, treni e ferrovie) si registra comunque un aumento dell’interesse per le informazioni sul settore.

“L’arrivo del Coronavirus ha totalmente invalidato i dati statistici che si usavano in precedenza, perché è cambiato il mondo, sono cambiate le esigenze e le priorità degli utenti”, spiegano Ivano Di Biasi e Giuseppe Liguori, CEO di SEOZoom. “Abbiamo perciò creato l’unico strumento attualmente esistente per avere dati attendibili e intervenire in tempo reale sulle strategie di marketing, senza aspettare che sia troppo tardi per prendere decisioni e intervenire sui siti web”.

“È un momento difficile, ma quando si parla di SEO e di marketing in genere c’è anche da constatare che si tratti di un periodo ricco di opportunità che possono, e devono, essere colte. Con l’analisi di SEOZoom offriamo un contributo per comprendere le nuove dinamiche che si sono sviluppate in questo periodo e il repentino cambiamento dei vari focus delle ricerche degli utenti, che rappresentano i potenziali clienti e visitatori dei siti web”, concludono Di Biasi e Liguori.

CORONAVIRUS  E RICERCHE ORGANICHE SU ALCUNI SETTORI DI MERCATO  COMMENTATE DA SEOZOOM

 

 

 Arte e Intrattenimento

Salterà subito alla vostra attenzione la categoria “Moda e Sfilate“, è accaduto anche a me e sono andato a verificare manualmente i dati per provare a capire se ci fosse un errore e così non era. In realtà, anche se tutto quello che riguarda le sfilate è praticamente crollato, gli utenti ci tengono al proprio aspetto, ricercano prodotti di moda da acquistare online e provano a mantenere quella parvenza di normalità ricercando tutto quello che riguarda il look personale, tagli di capelli particolari, probabilmente per iniziare una nuova era del fai da te del look.

La stessa situazione mi è capitata in svariati settori ed ogni volta il probabile errore è stato smentito analizzando le ricerche degli utenti: la gente non rinuncia alla normalità, ma deve provvedere in autonomia, si informa ed agisce.

Questo vi servirà sicuramente come suggerimento – se operate in determinati settori – per provare ad individuare il focus giusto, la miniera d’oro che porta visite anche in settori disastrati (al momento).

 

Libri e Letteratura

Ovviamente, questi dati non necessitano di alcun commento: tutti stiamo studiando qualcosa e stiamo impegnando il nostro tempo leggendo qualcosa di interessante per sfruttare il periodo di stop.

 

Internet e Telecomunicazioni

Anche in questo caso la crescita era ovvia, trattandosi di uno dei settori con più ricerche sul web: avendo più tempo a disposizione, non potevano che amplificarsi ancora maggiormente l’interesse ed il tempo dedicato alle ricerche.

 

News e Media

Il settore delle notizie e dei media in genere mostra lo stesso andamento di molti altri settori. L’interesse si è spostato verso gli unici aspetti “fruibili” da chi è chiuso in casa fino a data da destinarsi, mentre calano notevolmente le categorie che riguardano aspetti che, al momento, sono diventati quasi irrilevanti, se non per stendere il bucato, come per il meteo.

Le notizie sportive hanno subito il maggior calo ma era prevedibile perché di notizie non ce ne sono affatto.

 

Sport

Come potete notare, le categorie “impraticabili” hanno subito un fortissimo calo, in primis il calcio, ma gli sport individuali o che garantiscono una sorta di isolamento/distanziamento continuano a riscuotere interesse per l’immediato o per un futuro prossimo.

 

 

Adult

Incredibile, vero? Tutti in casa ed il settore Adult subisce un calo? Ci sono due interpretazioni: una ottimistica, per cui la coppia si riunisce, passa più tempo insieme e non ha assolutamente bisogno di “svago” in formato video. La seconda ipotesi, più divertente, è che in molti avranno troppe persone tra i piedi per poter coltivare la propria passione proibita.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Pubblicità in crescita a luglio (+8%) ma da inizio anno il saldo è -19% (-23,5% senza search e social). Nielsen: meglio tv e quotidiani

Pubblicità in crescita a luglio (+8%) ma da inizio anno il saldo è -19% (-23,5% senza search e social). Nielsen: meglio tv e quotidiani

Investimenti adv sempre in negativo a giugno (-15,4%), ma in ripresa sui tre mesi precedenti. Nielsen: miglioramenti per il secondo semestre

Investimenti adv sempre in negativo a giugno (-15,4%), ma in ripresa sui tre mesi precedenti. Nielsen: miglioramenti per il secondo semestre

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social. In giugno Scanzi mattatore, poi Porro e Mentana. Entrano in classifica Tommasi e Gramellini

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social. In giugno Scanzi mattatore, poi Porro e Mentana. Entrano in classifica Tommasi e Gramellini