Arriva la stampa antibatterica. Riviste e libri e molto altro in un packaging a prova di germi

Un film antibatterico a base di ioni d’argento per maneggiare in modo protetto libri, riviste, cataloghi, persino menu di bar e ristoranti,  ma anche giochi per bambini o materiali e packaging per strutture sanitarie o ambulatori medici. Fra i primi nel mondo a utilizzare  questa innovativa tecnologia di stampa certificata, in piena emergenzaCovid-19, ci sono le Industrie Grafiche Pacini (Igp) di Pisa, storica  azienda toscana, che risponde così alla crescente preoccupazione di tanti consumatori in tema di igiene.

Industrie Grafiche Pacini

Il nuovo metodo di stampa per libri, cataloghi e packaging è caratterizzato da uno speciale film che, “grazie a un trattamento a base di ioni d’argento, ha una importante azione battericida capace di bloccare la riproduzione dei germi e di eliminare per il 99% quelli entrati in contatto con la superficie stampata”, spiegano Stefano Fabbri, direttore di produzione Igp, e Massimo Ceccarini, product manager Igp.

La protezione, inoltre, non si esaurisce mai e non è dannosa per l’uomo, anzi, “rimane costante anche dopo ripetuti maneggiamenti e rende il prodotto idoneo anche per la plastificazione di oggetti destinati ad un utilizzo frequente”. Tutte queste proprietà sono state evidenziate dal laboratorio Imsl – Industrial Microbiological ServicesLtd, che certifica l’efficienza al 99% del film nell’eliminare i batteri secondo lo standard ISO22196.

Nessuna differenza, poi, fra questo e i più comuni film a base di polipropilene utilizzati per la stampa: adesione, trasparenza e lavorabilità restano immutate.

Francesca Pacini, dirigente della storica azienda di famiglia,  commenta: “Fra le principali applicazioni di questa innovativa tecnologia, oltre a libri, riviste e cataloghi, ci sono anche materiali e packaging destinati alla comunicazione all’interno di strutture ospedaliere, case di riposo, centri analisi, studi medici,
ambulatori veterinari, libri per bambini e packaging dei giochi; menu di ristoranti, bar, gelaterie; packaging dei prodotti per la cura personale. Si tratta di una lavorazione che mantiene inalterate le caratteristiche tecniche e qualitative dello stampato e coerenti alla estrema vocazione green della nostra”.

“L’emergenza Covid-19 – aggiunge Francesca Pacini – ha cambiato le nostre abitudini e ci vorranno tanti mesi se non anni per tornare a riprendere la vita di prima. L’attenzione che poniamo all’igiene è diventata primaria: facciamo attenzione a tutto ciò che tocchiamo e appena possibile laviamo le mani con disinfettanti o gel, e meglio ancora se portiamo i guanti. E i bimbi che mettono tutto in bocca?
Così, la nostra azienda ha cercato nuove tecnologie di stampa che potessero rispondere al crescente bisogno di protezione e di igiene per mettere in condizione tante persone di poter maneggiare qualsiasi
confezione al supermercato, libri e riviste in edicola o in libreria, cataloghi di fornitori in ufficio o a casa, senza la preoccupazione disapere chi li avrà toccati prima di noi”.

“L’utilità di questa soluzione – osserva Pacini -, vistoil potere di protezione da batteri, funghi e muffe, siamo certi possa avere una grande utilità anche una volta passata questa emergenza”.

Sul fronte della sostenibilità ambientale e dell’attenzione a salute esicurezza dei lavoratori, le Industrie Grafiche Pacini sono al passo con l’innovazione e con l’adesione a protocolli e certificazioni in
linea con i più aggiornati. Ai primi di marzo, la storica azienda pisana ha raggiunto due importanti traguardi ottenendo la certificazione ambientale ISO 14001:2005 e certificazione gestione
della salute e della sicurezza ISO 45001:2018.

“La certificazione ambientale – aggiunge Francesca Pacini – evidenzia  il nostro impegno per la tutela dell’ambiente migliorando il posizionamento del nostro brand sul mercato e rafforzando l’immagine
etica dell’azienda in termini di risparmio dei costi dell’energia e dei materiali, un maggior riciclo, minori emissioni inquinanti nelle acque e in atmosfera”. La certificazione su salute e sicurezza è
invece la prima certificazione internazionale a definire gli standard minimi di buona pratica per la protezione dei lavoratori in tutto il mondo. “Stabilisce, in pratica – conclude – un quadro per migliorare
la sicurezza, ridurre i rischi in ambito lavorativo e migliorare la salute e il benessere dei nostri lavoratori permettendo così di aumentare le performance in materia di salute e sicurezza”. (Pam/Adnkronos)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali