‘Garanzia Italia’: Sace lancia un portale per la liquidità

Sace, la società controllata da Cdp, diventata in pratica l’agenzia che, sotto il coordinamento del Mef, garantirà i prestiti alle attività economiche danneggiate dal Covid-19, è pienamente operativa con ‘Garanzia Italia’.

Come spiega un comunicato, il rilascio delle garanzie a favore delle banche, già accreditate o che ne faranno richiesta avverrà online, attraverso il portale dedicato sviluppato da Sace , dove gli istituti di credito potranno inserire le proprie richieste e ottenere le relative garanzie, contro garantite dallo Stato, in tempi brevi. Ad esempio, per la “procedura semplificata” (dedicata alle imprese con fatturato in Italia inferiore a 1,5 miliardi di euro e con numero di dipendenti, sempre in Italia, inferiore a 5mila), e per tutti i finanziamenti di importo fino a 375 milioni di euro avverrà entro le 48 ore.

 

 

Oltre al portale ‘Garanzia Italia’, dedicato alle banche, sul sito è a disposizione di banche e imprese un simulatore che offre – a seguito dell’inserimento di alcuni parametri economici e finanziari dell’azienda relativi al bilancio 2019 – una prima indicazione dell’importo finanziabile e delle diverse tipologie di garanzie previste dal Decreto Liquidità.

Nella stessa pagina web sono inoltre disponibili una serie di documenti informativi per banche e imprese: dalle FAQ al Manuale Operativo per gli istituti di credito con le modalità di accreditamento al portale ‘Garanzia Italia’

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali