Boom di nuovi abbonati per Netflix che chiude il primo trimestre con ricavi in crescita

Condividi

L’epidemia di Covid-19 fa fare il botto a Netflix. La piattaforma streaming ha infatti chiuso il primo trimestre con gli abbonati saliti di 15,8 milioni, decisamente al di sopra delle previsioni del mercato che scommetteva su un aumento di 8,47 milioni. In crescita anche i ricavi, che si attestano a 5,77 miliardi di dollari (4,52 miliardi del 2019), e l’utile netto a 709,06 milioni.

Reed Hastings (Foto Ansa – EPA/BRITTA PEDERSEN)

Gran parte dei nuovi abbonati provengono dai mercati internazionali, con almeno 7 milioni di nuovi utenti nella regione dell’Europa e del Medio Oriente, 2,9 milioni in America Latina e 3,6 milioni in Asia. Negli Usa e in Canada, invece, dove la concorrenza è maggiore, Netflix ha registrato 2,3 milioni di nuovi iscritti paganti, a fronte dei 548.000 del quarto trimestre e degli 1,9 milioni del primo trimestre dello scorso anno.

“Come gli altri servizi di home entertainment, abbiamo rilevato un aumento temporaneo delle visualizzazioni e degli abbonamenti. Nel nostro caso, ciò è stato offuscato dal forte dollaro statunitense, che ha ridotto i nostri ricavi internazionali, portando a un fatturato in linea con le attese. Ci aspettiamo di registrare un rallentamento della crescita delle sottoscrizioni in scia alla revoca delle misure di contenimento, che speriamo arrivi presto”, si legge in una lettera della società agli azionisti.