Twitter contro i cospirazionisti che collegano Covid a 5G: no a post che portano danneggiamenti e disordini

Dopo YouTube, anche Twitter mette nel mirino i post che propugnano teorie cospirazioniste legando l’epidemia di Covid-19 alle torri delle reti 5G. Il social network ha comunicato di aver aggiornato le linee guida contro “affermazioni non verificate che incitano le persone a compiere attività pericolose e che potrebbero portare al danneggiamento e alla distruzione di infrastrutture critiche 5G, o a panico diffuso, agitazioni sociali e disordini su vasta scala”.

Jack Dorsey (Foto Ansa – EPA/JIM LO SCALZO)

Le nuove norme si aggiungono a quelle messe in campo a metà marzo per eliminare i post contrari alle linee guida offerte dalle fonti autorevoli di informazione sulla salute pubblica. Ad essere cancellati sono i post che vanno contro le raccomandazioni delle autorità per evitare il contagio e in questo modo incentivano comportamenti rischiosi, sostenendo ad esempio che la distanza di sicurezza è inutile.

Via anche i tweet che descrivono misure protettive e trattamenti inefficaci, soprattutto se pericolosi come suggerire di bere candeggina. Sono poi banditi i tweet che negano fatti scientifici accertati sulla trasmissione del virus, che sostengono teorie complottiste e propongono metodi non scientifici di auto-diagnosi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali