A Justin Billingsley la carica (nuova) di Global CMO di Publicis Groupe

Un ruolo inedito, affidato a un manager di fiducia. Per affrontare gli effetti della crisi causata dal corona virus, che già si evidenziano nei bilanci trimestrali; ma anche per favorire il rilancio, quando inizierà la fase della ripartenza dell’economia e della pubblicità. Arthur Sadoun, ceo e chairman di Publicis Groupe, ha dato a Justin Billingsley la carica di Global Chief Marketing Officer. Billingsley, continuerà a far parte del Publicis Groupe Management Committee, riportando direttamente a Sadoun, e manterrà anche gli incarichi di Chairman di Publicis Emil e Publicis One Touch, le strutture appositamente create per Mercedes e Nivea.

Justin Billingsley

Il suo compito essenziale sarà da vera e propria ‘trincea’: e cioè quello di supportare i vari Global Client Leader di Publicis e i loro clienti in questa fase di destabilizzante impatto del contagio nell’economia e nei consumi. Quattro le tematiche e gli aspetti operativi in cui Billingsley sarà più concretamente impegnato: marketing e sviluppo prodotto, aiutando i clienti a trovare soluzioni scalabili e replicabili per favorire la crescita; ‘client transformation’, promuovendo efficacia ed efficienza del modello Power of One di Publicis; sviluppo del new business ed espansione delle partnership già in dotazione; coordinamento di Pr e comunicazione del gruppo, sia interne che esterne, per rafforzare la relazione sia con i talenti interni che con i clienti. Arthur Sadoun ha commentato: “Justin ha esperienza e doti uniche, un profilo che lo mette in condizioni di svolgere bene questo nuovo originale ruolo all’interno del nostro gruppo e, in maniera particolare, in questa fase di profondo cambiamento”.
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%