Il saluto di Molinari ai lettori della Stampa

L’editoriale con cui il 24 aprile Maurizio Molinari saluta i lettori de La Stampa per passare a dirigere Repubblica.

‘LA STAMPA DIVENTATA PRIMO QUOTIDIANO “DIGITAL FIRST”

Da 153 anni _La Stampa_ è un quotidiano laboratorio di innovazione in Italia, e per me è stato un privilegio dirigerlo dal 2016 come anche lavorarci dal 1997. La capacità di innovare de _La Stampa_ sta nel Dna di una comunità intellettuale glocal – con le radici nel Nord-Ovest, il cuore a Torino, l’identità europea e la vocazione atlantica – che riflette un territorio dove il rispetto per i valori della Costituzione
repubblicana è un tutt’uno con la volontà di affrontare le sfide del presente per tagliare sempre nuovi traguardi.

Negli incontri avuti con i lettori mi sono spesso trovato davanti a questa miscela di cultura antica, curiosità sull’attualità e scommessa sul futuro che descrive il legame inossidabile fra chi acquista e chi crea i contenuti di questa testata. È una miscela unica che nasce sulla carta stampata e ora diventa sempre più digitale,accompagnando le trasformazioni del nuovo secolo. È grazie a lavoro, passione e sacrifici di giornalisti, grafici, tipografi, fotografi e dipendenti tutti che _La Stampa_ ha affrontato da protagonista la trasformazione digitale, sfidandone i rischi per coglierne le opportunità. Con il risultato di diventare il primo quotidiano italiano Digital First, ovvero che produce senza interruzione contenuti su ogni piattaforma esistente grazie al contributo dell’intero corpo redazionale. Nessuno escluso.

Ed è proprio questa trasformazione che ci consente di fare il giornale in smart working nonostante gli ostacoli posti dal coronavirus.

Ma non è tutto perché nell’era del terrorismo che ha generato l’11 settembre e Isis, del populismo che sfida la democrazia rappresentativa e della pandemia che aggredisce le nostre sicurezze, innovare significa rigenerare il legame fra i cittadini e lo Stato nazionale attorno a un’idea di protezione basata sui nuovi diritti degli individui.

Perché una democrazia è tanto più forte e vibrante quanti più diritti riesce a identificare, proteggere, codificare.

Da qui l’impegno che questa redazione ha profuso nel descrivere valori e protagonisti dei diritti del nostro tempo: dalla parità di genere alla difesa dai cambiamenti climatici, dalla protezione della proprietà intellettuale alla tutela da ogni intolleranza e diseguaglianza, dall’integrazione dei migranti alla sanità più avanzata. Se la trasformazione digitale fa de _La Stampa_ un avamposto dell’innovazione nell’editoria, l’impegno sul fronte dei diritti ne fa un protagonista del rinnovamento della nostra nazione.

Tutto ciò è avvenuto grazie al sostegno costante dei nostri lettori ed abbonati come anche di un Editore convinto dell’importanza di cogliere sempre le sfide del presente. Ed è avvenuto nella cornice del gruppo Gedi, di cui oggi assumo la direzione editoriale, che si articola in un network formidabile di giornali nazionali e locali, è leader di mercato in Italia e si propone di guidare da protagonista i cambiamenti in ogni
settore dell’informazione: dalla carta stampata alle radio, dai contenuti digitali ai periodici di qualità.

Per continuare a innovare ed a guardare avanti come insegna la tradizione di questo giornale, la cui direzione viene affidata ora ad un collega di qualità di Gedi, Massimo Giannini, a cui vanno i miei auguri di ogni successo.

Buona lettura,
Maurizio Molinari

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Assegnati i primi finanziamenti di Google per il giornalismo locale. In Italia ne hanno beneficiato 280 editrici tra cui l’Eco di Bergamo

Assegnati i primi finanziamenti di Google per il giornalismo locale. In Italia ne hanno beneficiato 280 editrici tra cui l’Eco di Bergamo

Caso Twitter-Trump, Zuckerberg: i social non sono arbitri della verità. Censurarli non è la reazione giusta

Caso Twitter-Trump, Zuckerberg: i social non sono arbitri della verità. Censurarli non è la reazione giusta

L’ira di Trump: “sarà un grande giorno per i social media e la giustizia”. Ordine esecutivo ‘contro’ Twitter e company?

L’ira di Trump: “sarà un grande giorno per i social media e la giustizia”. Ordine esecutivo ‘contro’ Twitter e company?