Gli editoriali con cui debuttano le direzioni Molinari a ‘Repubblica’ e Giannini a ‘La Stampa’

Pubblichiamo l’editoriale di debutto su Repubblica di oggi 25 aprile del nuovo direttore Maurizio Molinari, e di Massimo Giannini,  suo successore alla guida de La Stampa.

 

 

Maurizio Molinari – ‘La sfida di un giornale per il riscatto del Paese ferito’

Assumere la direzione di Repubblica significa raccogliere la sfida di descrivere un’Italia aggredita dalla pandemia, ferita dalle diseguaglianze e segnata dal populismo ma al tempo stesso con le potenzialità di tornare protagonista in Europa ed in Occidente. È una sfida che si fonda sul rispetto per chi mi ha preceduto alla guida di questo giornale interpretando, sin dalla fondazione nel 1976, il bisogno di un’informazione di qualità nel costante richiamo ai valori della Costituzione repubblicana puntando, come ha affermato Eugenio Scalfari in una conversazione con Ezio Mauro, “sulla scommessa di trovare sempre nuovo pubblico”.

E sul rispetto per i lettori che sono più intelligenti di noi e meritano ogni sacrificio al fine di spiegare quanto avviene nelle nostre città e nel mondo grazie a contenuti competitivi su ogni piattaforma, dalla carta al digitale. La sfida che abbiamo davanti è descrivere un’Italia aggredita dalla pandemia e ferita dalle diseguaglianze perché queste sono i più seri banchi di prova per la sicurezza dei cittadini. La coincidenza con il 25 Aprile, 75° anniversario della Liberazione dal nazifascismo, ci spinge a prendere esempio da chi seppe distinguere il Bene dal Male, rischiando la vita per la libertà del prossimo, al fine di edificare uno Stato di Diritto che è, ancora oggi, la migliore garanzia di protezione e prosperità.

La pandemia è un avversario globale, feroce ed invisibile che ci ha attaccato di sorpresa mettendo a nudo la vulnerabilità del sistema sanitario e i ritardi della risposta di un governo frenato dalla burocrazia. Ma la stessa pandemia ha esaltato le qualità di una moltitudine di cittadini, dal personale sanitario alle forze dell’ordine fino a milioni di singoli individui, che si sono trasformati in un formidabile scudo per la collettività. Ciò significa che la risposta al Covid 19 può consentire di far venire alla luce l’Italia migliore, del lavoro e della solidarietà, a dispetto dei ritardi e degli errori dovuti a una politica appesantita da rivalità personali, incapacità tecniche, resistenze burocratiche, freni ideologici e forti spinte populiste.

L’opportunità per l’Italia è sfruttare la risposta al virus per varare le riforme necessarie a sanare le ferite più gravi che ci accomunano alle altre democrazie avanzate: le diseguaglianze economiche e sociali. Si tratta di squilibri di reddito, sviluppo, formazione, capacità professionali, educazione, genere e conoscenza che alimentano lo scontento del ceto medio e si originano dal salto fra rivoluzione industriale e rivoluzione digitale avvenuto negli ultimi venti anni. Un quarto di secolo fa fu il sociologo anglotedesco Ralf Dahrendorf nel libro Quadrare il cerchio a prevedere questa ferita e su queste pagine venne descritta così: “La globalizzazione trasforma gli uomini in animali da combattimento, con una competizione all’eccesso, la scena è il Pianeta, portando alla nascita di una classe media anonima priva di radici, con un impatto socialmente devastante”. Le diseguaglianze sono un avversario ben più sofisticato e temibile della povertà novecentesca: non basta il Pil per misurarle perché non sono esclusivamente uno status economico ma uno stato d’animo. Generando la diffusa sensazione di essere “dimenticati” o “scartati” dallo sviluppo sulla quale fiorisce il populismo di ogni matrice.

La risposta alle diseguaglianze è nel proteggere chi sente di esserne vittima e ciò significa ridisegnare i compiti dello Stato nazionale, destinando una parte strategica delle risorse pubbliche alle necessità fondamentali degli individui: a cominciare dalla riqualificazione professionale per convivere con le nuove tecnologie e dalle garanzie sanitarie per una popolazione sempre più anziana. Ovvero, proteggere lavoratori e terza età con riforme capaci di trasformarli nelle leve di un nuovo tipo di sviluppo, basato su programmi di lungo termine e nuove protezioni sociali. Come disse Robert Kennedy in un visionario discorso all’Università del Kansas del marzo 1968 “il limite del Pil” è nell’essere “basato sui numeri” e “non considerare la felicità degli individui”.

Davanti alla devastazione economica causata dal coronavirus, la sfida per una democrazia avanzata è ricostruirsi partendo dunque dagli individui, proteggendoli dai nuovi pericoli e aiutandoli a risollevarsi andando incontro alle dinamiche dell’economia digitale dove l’intelligenza artificiale sta assumendo il ruolo che ebbe l’elettricità nella rivoluzione industriale. Riuscendo a vincere questa sfida gli Stati nazionali possono rilegittimare la democrazia rappresentativa davanti ai cittadini e dunque respingere l’assalto del populismo che cavalca l’ostilità per il prossimo al fine di imporsi sulla collettività. Ma per cogliere tale successo le democrazie hanno bisogno di veder nascere dalle rovine della pandemia una nuova generazione di leader capaci di interpretare la impellenza della ricostruzione ispirandosi a quanto disse Leonardo da Vinci cinque secoli fa “sull’urgenza del fare” perché “conoscere e desiderare non basta, bisogna realizzare e fare”.

 

Giannini – “Un giornale perbene”: il saluto del nuovo direttore de La Stampa Massimo Giannini

“Benvenuto in un giornale perbene”. Era una fine gennaio del 1995, e l’Avvocato mi accoglieva così nel suo ufficio alla Fiat di corso Marconi. Il Lingotto sarebbe “rinato” più tardi, a rinverdire i fasti di Torino. “La Stampa”, invece, era rimasta la stessa da più di un secolo. Non solo il gioiello di famiglia degli Agnelli, ma un patrimonio prezioso della città e del Paese. Un grande quotidiano costruito su un equilibrio magicamente “glocal”. Radicato nella storia, nella cultura e nell’economia del suo territorio, ma sempre proiettato sui fatti, le tendenze e i cambiamenti del mondo.

Io ci arrivai chiamato da Ezio Mauro che allora la dirigeva, e che di lì a poco si sarebbe trasferito a “Repubblica” (dove due anni dopo sarei rientrato anch’io, per poi passarcene altri 23). Un andare e un tornare che si è ripetuto spesso: da Mario Calabresi a Maurizio Molinari, che ora mi passa il testimone. A conferma di quanto siano intrecciate le vicende di queste due testate, diverse ma unite da una trama identitaria comune, fatta di laicità e modernità, di azionismo e di civismo, di senso dello Stato e di fedeltà ai principi delle liberal-democrazie dell’Occidente.

 

 

Massimo Gianni i – “Un giornale perbene”

Oggi sono di nuovo qui, proprio nel giorno della Festa di Liberazione dal fascismo, che di quell’identità condivisa è elemento costitutivo. Torno richiamato da John Elkann, che ringrazio per la stima e la fiducia. E torno con lo stesso orgoglio di allora. Perché in questo, grazie ai direttori che mi hanno preceduto e nonostante le novità che l’hanno caratterizzata, “La Stampa” è quella di sempre: un giornale perbene. Ma torno anche con la consapevolezza di quanto sia buia l’ora che viviamo. I camion militari con le bare per le strade deserte di Bergamo e le fosse comuni scavate nella nuda terra di Hart Island.

La generazione dei nonni, sopravvissuti alla guerra, volata via senza l’ultima carezza e la generazione dei 50enni, cresciuti nella pace, in fila per il pane. Sono immagini e traumi che non si cancellano. Thomas Friedman sul New York Times scrive che la nostra era va ormai divisa “tra un A.C. e un D.C.”, un “Avanti” e un “Dopo”, dove “C” non è Cristo ma è Coronavirus. Contiamo i morti, ma anche i giorni che ci separano dal ritorno a un’esistenza quasi normale. Chiediamo al governo di indicarci una chiara exit-strategy dalla chiusura totale che asfissia 6 milioni di famiglie, brucia 8 punti di Pil e costa 160 miliardi di fatturato industriale. Domani il premier Conte illustrerà la sua road map. Gli altri lo hanno già fatto. Non dirò la solita Germania, dotata di ambulatori sul territorio, 30 mila terapie intensive, 2 milioni di tamponi, mascherine nei luoghi di lavoro. Dico Spagna e Portogallo, colpiti dal Covid in condizioni non migliori delle nostre e tuttavia capaci di venirne fuori prima.

Perché noi non ci riusciamo? Perché restiamo impastoiati negli ingranaggi della macchina Stato-Regioni, Protezione Civile-Comitato Scientifico, Commissione Pisano-Comitato Colao? Perché la ripartenza si perde nel labirinto di 45 fantasmatiche “task force” e 600 presunti esperti? Perché cadono sul campo 200 medici e infermieri e sulla strage nelle Rsa indagano decine di procure? Perché oscilliamo tra Grande Lazzaretto e Colonia Penale? Questo si chiedono i cittadini, che hanno dimostrato una maturità straordinaria. Ma la pazienza può finire. Dodici milioni di lavoratori aspettano casse integrazioni e bonus ingolfati dalle procedure amministrative, faticano a mangiare e magari si affidano al Welfare delle mafie. Tre milioni di imprese rischiano di essere escluse dalla filiera delle forniture globali e per avere 15 mila euro di prestito “automatico” in banca devono esibire 19 documenti. Si dice: “Ne usciremo migliori”. Non ne sono sicuro. Ci accontenteremmo di poco. Più diritti e meno disuguaglianze. Un sistema di protezione sociale più solido e meno squilibrato. Un fisco più equo e meno evasione. Servizi pubblici con più merito e meno burocrazia.

È il vero inciampo della Fase Due (ma anche Tre e Quattro): gli italiani sono pronti a ripartire, lo Stato no. Il caso “Immuni” è un paradigma: vogliamo tracciare i contagiati sul modello Corea/Israele, ma non sforniamo la app domattina, la studiamo per settimane con 2 commissioni e 90 commissari. Il Coronavirus è il pettine della Storia: fa venir fuori tutti i nodi irrisolti del Paese. Il compito del buon giornalismo è descriverli, aiutando il lettore a comprenderli e sollecitando la politica ad affrontarli. È quello che faremo. Con una certezza: per non scivolare in una Lunga Depressione, quei nodi andranno sciolti con la competenza dell’establishment e la pazienza del confronto, non tagliati con la spada della semplificazione populista. Serviranno altri sacrifici, perché abbiamo un debito al 155% del Pil e i Piani Marshall a fondo perduto sono finiti nel 1950. Serviranno classi dirigenti all’altezza della sfida. Serviranno “strumenti eccezionali per tempi eccezionali”, come dice Mario Draghi.

Garantire reddito e benessere dei popoli è l’unico modo per disarmare gli eserciti nazional-sovranisti e arginare le mire imperiali di Cina e Russia, che approfittano del virus per riorientare l’asse strategico del pianeta. Nonostante i parziali passi avanti compiuti dal Consiglio europeo di giovedì, l’Unione è in ritardo. Ma anche qui, un avviso ai nostalgici delle lirette e ai fanatici delle “democrature”: per l’Italia la sola comunità di destino è in Europa (nonostante l’Olanda di Rutte) e la sola collocazione geopolitica è nell’Alleanza Atlantica (nonostante l’America di Trump). Dobbiamo esserne coscienti, mentre c’è chi per palese imperizia si perde sulle Vie della Seta e chi per riflesso ideologico trasforma in scorie radioattive i 36 miliardi di preziosi aiuti sanitari del Mes. È vero: il globalismo sregolato, pur avendo affrancato dalla fame i derelitti dell’emisfero Sud, ha “proletarizzato” i ceti medi dell’emisfero Nord. Ha accelerato le migrazioni, generando insicurezza e intolleranza in milioni di occidentali che vedono la stessa pandemia come il frutto avvelenato del melting-pot. Ma la risposta a tutto questo non può essere una deglobalizzazione illogica e antistorica.

Il dominio della Tecnica sulla Natura e sulla Politica ci ha illuso di essere infallibili e immortali. Il Covid ci ha presentato il conto. Dobbiamo imparare la lezione. Non facendo un passo indietro, verso un Medio Evo pauperista e anticapitalista, ma un salto in avanti. È la scienza, la ricerca, la tecnologia che ci salveranno dal Male, non la famosa e fumosa decrescita felice. Dobbiamo progettare un modo diverso di vivere, consumare e produrre. E qui sta l’altra parte della nostra missione, quella più affascinante. Il buon giornalismo deve saper cogliere tutto il buono e il nuovo che c’è, in Italia e nel mondo. Perché ce n’è tanto, per chiunque abbia curiosità e coraggio di cercare. Dai 7 milioni di volontari che aiutano il prossimo all’azienda di Brescia che, con una valvola stampata in 3D, riconverte maschere da snorkeling in respiratori polmonari. La Storia non finirà neanche stavolta. Si tratta solo di avere occhi per osservarla e testa per decifrarla.

“La Stampa” è cambiata e cambierà ancora. Con la forza delle sue idee e la dedizione di tutti coloro che, ogni giorno, le danno linfa vitale e professionale: dai giornalisti ai tipografi, dai grafici ai fotografi, dai collaboratori ai dipendenti. Siamo già il primo quotidiano “digital first”, dove tutte le piattaforme (carta, sito e social) sono integrate. Lo saranno sempre di più, in un ciclo continuo di notizie e commenti, reportage e video, newsletter e podcast. La Rete non è il futuro, è il presente. Ma nel flusso impetuoso e indistinto della “mediasfera” l’informazione qualificata è “merce” sempre più pregiata. Noi cercheremo di garantirla ogni giorno, con il contributo formidabile del network dei nostri giornali locali. Non si tratta più di convincere il lettore a cercare il suo quotidiano in edicola. Si tratta di raggiungerlo ovunque e in ogni momento con contenuti di alta qualità e affidabilità, sul suo smartphone, sul suo iPad, sul suo Pc. “Democrazia e giornalismo libero moriranno o progrediranno insieme”, scriveva Joseph Pulitzer nel 1902. Era già vero allora, per noi è ancora più vero oggi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali