Google, in arrivo videoconferenze premium gratis per tutti.  Da gennaio Meet cresciuto del 30%

Google ha annunciato oggi una novità in arrivo per Google Meet: il prodotto premium per le videoconferenze di Google – pensato per scuole, governi e aziende – dai prossimi giorni sarà reso gratuito per tutti.

Una scelta che coincide con la crescente necessità di rimanere connessi, tra colleghi di lavoro, compagni di scuola, ma anche tra amici e familiari. Da gennaio, fa sapere Google, l’utilizzo giornaliero di Meet è cresciuto di 30 volte. Ogni giorno Meet ospita riunioni per un totale di 3 miliardi di minuti e registra 3 milioni di nuovi utenti. E, a partire dalla scorsa settimana, gli utilizzatori giornalieri di Meet hanno superato i 100 milioni.

“Abbiamo investito anni di lavoro per rendere Meet una soluzione sicura e affidabile per le scuole, per i governi e per le aziende in tutto il mondo, e negli ultimi mesi abbiamo accelerato la disponibilità delle funzionalità più richieste in modo da rendere Meet ancora più utile”, ha dichiarato Javier Soltero, Vice President & GM, G Suite.

“A cominciare da maggio, chiunque possieda un indirizzo e-mail può iscriversi a Meet e utilizzare molte delle funzionalità che sono già a usate dai nostri clienti G Suite – scuole, istituzioni, organizzazioni e business -, come per esempio la pianificazione delle riunioni e la condivisione dello schermo, i sottotitoli in tempo reale e la scelta del layout che più si adatta alle proprie necessità, inclusa la visualizzazione a griglia espansa”, ha concluso Soltero.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti