29 aprile De Filippi, Angela, Sciarelli sul podio. Crolla Rai2, sorprende Tv8

C’era un altro confronto tra Maria De Filippi e Alberto Angela in versione ‘replicante’ nella serata tv del 29 aprile, con ‘soltanto’ una trasmissione sul corona virus in prime time (con Barbara Palombelli in versione speciale su Rete4). Tanti i terzi incomodi teorici, compresa la replica della fiction ‘La Compagnia del Cigno’ sulla seconda rete (sempre oltre quota 5 milioni alla prima emissione su Rai1), ma soprattutto Federica Sciarelli sulla terza rete pubblica. Ecco come Auditel ha definito la classifica degli ascolti.

Su Canale 5 la terza puntata in replica dell’ultima edizione di ‘Tu si que vales’, con Maria De Filippi, Gerry Scotti, Teo Mammuccari e Rudy Zerbi nella giuria e Sabrina Ferilli come membro aggiunto, nonché Belen Rodriguez, Alessio Sakara e Martin Castrogiovanni alla conduzione, ha avuto 3,838 milioni e il 18,5%, in crescita di quasi un punto percentuale (con gli stessi ascolti di sette giorni prima).

Su Rai1 la replica di ‘Meraviglie-La penisola dei tesori’, con Alberto Angela protagonista della ricognizione in Puglia, nel Veneto e nella zona ‘etrusca’ del nostro Paese, ha conquistato 3,2 milioni ed il 12,4% (+0.2).

Su Rai3 ‘Chi l’ha visto?’, con Federica Sciarelli, con casi ‘normali’ e casi da era Covid -19 ha raccolto 2,083 milioni e l’8,2%.

Su Italia 1 il super classico ‘E.T. L’extraterrestre’, con Drew Barrymore, Peter Coyote, Henry Thomas, Dee Wallace-Stone, ha ottenuto 1,552 milioni di spettatori e il 5,8%. Tra gli approfondimenti questo l’ordine di arrivo.

Su Rete 4 ‘Speciale Stasera Italia’, con Barbara Palombelli alla conduzione e tra gli ospiti Paolo Bonolis, Antonio Tajani, Manlio Di Stefano, Maria Giovanna Maglie, Vittorio Sgarbi, Antonio Carprarica, Gianfranco Vissani, Alberto Zagrillo ha conseguito 1,382 milioni di spettatori e il 5,1%.

Su La7 ‘Atlantide’ versione Alfred Hitchcock con Dario Argento ospite di Andrea Purgatori e dentro il programma il film Intrigo Internazionale’ con Cary Grant, Eva Marie Saint, James Mason, Martin Landau, ha totalizzato 990 mila spettatori e 4%.

Più ascolti ma meno share de La7 ha riscosso la sempre più sorprendente Tv8, accesa anche senza il doping dello sport: ‘Escobar – Il Fascino del male’ ha avuto ben 1,057 milioni di spettatori ed il 3,8%.

In coda, a sorpresa, la fiction collocata sulla seconda rete, forse in maniera un po’ spiazzante, e risultata molto fuori clima, ambientata in una Milano molto diversa da quella di adesso, meno ‘vincente’ in era Covid. Su Rai2 il primo appuntamento con la replica ‘La compagnia del cigno’, con Alessio Boni, Anna Valle, Alessandro Roia, Carlotta Natoli, Francesca Cavallin, Stefano Dionisi, Giorgio Pasotti, Marco Bocci tra i protagonisti, ha avuto solo 854mila spettatori e 3,3%.

Tra i talk d’informazione, in access è stato chiaro il vantaggio di Lilli Gruber su edizioni molto toniche e ‘cariche’ dei programmi di Manuela Moreno e Barbara Palombelli.

Su La7 ‘Otto e mezzo’, ha riscosso 2,633 milioni e 8,9% con Andrea Scanzi, Beppe Severgnini, Ranieri Guerra tra gli ospiti.

Mentre ‘Tg2Post’ con un’edizione da 40 minuti, Laura Berti in supporto alla Moreno, e tra gli ospiti i virologi Massimo Galli e Pierluigi Lo Palco che hanno risposto a tutte le domande più attuali, ha avuto 1,774 milioni di spettatori e il 5,8%.

Su Rete 4 ‘Stasera Italia’ con Flavio Briatore, Matteo Renzi, Francesca Fagnani, Massimo Cacciari, ha ottenuto 1,640 milioni e 5,6%.

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali