Apple e Google rilasciano la ‘beta’ dell’app di contact tracing. Il lancio ufficiale previsto per metà maggio

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

 

Il governo australiano vuole obbligare i giganti di Internet a condividere i ricavi pubblicitari con gli editori di notizie. Nel 2019, il governo aveva proposto ai colossi della Rete di negoziare con gli editori un accordo equo, ma la trattativa si è arenata. Ora che il coronavirus minaccia di falciare le migliori aziende editoriali, il governo vuole che l’autorità Antitrust produca regole vincolanti.

Da oggi arriva in Italia Prime Video Store, che darà ai clienti di Amazon Prime Video la possibilità di noleggiare o acquistare nuovi titoli tra film appena usciti, grandi classici di Hollywood e i più amati dal pubblico.

Lotta al Covid-19. Apple e Google hanno reso pubblica per gli sviluppatori la versione di beta del software che permetterà di accedere ai dati bluetooth per il contact tracing. L’idea è di “aiutare gli sviluppatori a iniziare i test in previsione del rilascio dell’app a metà maggio e per incoraggiare i primi feedback. Tra le novità introdotte, la possibilità di calcolare un indice di rischio basato sulla distanza da un paziente risultato positivo e dal tempo di contatto. Le notifiche potranno così essere personalizzate, per fornire indicazioni più chiare e attendibili sulla possibilità che il contatto abbia portato all’infezione.

Facebook chiude il primo trimestre in forte crescita nonostante il coronavirus. Il boom degli utenti compensa infatti almeno in parte il calo dei prezzi e il rallentamento della raccolta pubblicitaria. I ricavi di Facebook nei primi tre mesi dell’anno sono saliti del 18% a 17,7 miliardi di dollari, utile netto a 4,9 miliardi. Gli utenti attivi mensili sono stati 2,60 miliardi, sopra le attese degli analisti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%