Calcio, Spadafora: road map governo non cambia. Impossibile definire date per ripresa del campionato

Condividi

“La road map è molto chiara ed è tutt’ora valida. La mia linea e quella del governo non è mai cambiata. A oggi è impossibile definire una data certa” della ripresa del campionato di calcio di Serie A. Nessun passo indietro o incertezze da parte del ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora sul fronte della ripresa dei campionati, nel giorno in cui attraverso un’intervista il premier Conte di fatto avoca a sé il dossier e parla di una convocazione imminente di tutti le componenti del calcio a Palazzo Chigi per discuterne insieme al ministro. Anzi, Spadafora non nasconde lo sconcerto per “l’inasprirsi negli ultimi giorni del dibattito politico e mediatico” sull’argomento, stigmatizza il fronte di tali “pressioni” e non teme definire le une e le altre come “incomprensibili agli occhi di milioni di italiani che temono per la loro salute e per il loro lavoro”.

Vincenzo Spadafora (Foto ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

L’occasione per ribadire la sua posizione è offerta dal question time alla Camera. Spadafora sottolinea la piena assonanza con l’esecutivo, il cui impegno prioritario – che deve continuare a perseguire – è quello di “contemperare il valore assoluto della salute”, e osserva come “auspichiamo tutti che i campionati possano riprendere regolarmente”. Ribadisce poi l’impossibilità di indicare una data definita per la ripresa dei tornei e fa notare anzi che “ad oggi in Europa le uniche notizie e decisioni certe riguardano solo quei Paesi che hanno decretato di bloccare definitivamente i campionati”.

Spadafora conferma la data del 18 maggio come quella “auspicata” per la ripresa di “tutti” gli allenamenti di squadra, alla luce dell’andamento della curva dei contagi, e apre a tal fine uno spiraglio – più di speranza che di apertura – quando parla del protocollo per gli allenamenti messo a punto dalla Figc su cui il Comitato tecnico-scientifico aveva mosso rilievi. “Domani ci sarà l’audizione e speriamo serva per dare il via libera al protocollo” per gli allenamenti di squadra.