La pandemia spinge l’e-commerce: 2 milioni di italiani hanno ordinato online tra gennaio e aprile. Un anno fa erano 700 mila

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

 

Nasce la “Corte suprema” di Facebook. L’organo indipendente al quale gli oltre due miliardi di utenti di Facebook si potranno appellare contro le stesse decisioni del social network in tutte le sue varianti, compreso Instagram. Nasce il così il Comitato di Controllo, l’Oversight Board, chiamato a giudicare la cancellazione di contenuti e di profili, oltre ad intervenire su temi delicati come l’incitazione all’odio, le molestie, il rispetto della privacy.

Medicina tech, un mercato da 440 miliardi. Questo il valore del mercato dell’Internet of Medical Things nella sola Europa previsto nel 2022 (11 miliardi di euro nel 2017). Secondo i dati del report Enisa, l’agenzia della Commissione europea per la cybersecurity, le aziende del settore attualmente producono oltre 500 mila diversi tipi di dispositivi medici tech.

Editori in campo contro le rassegne stampa illegali. L’Agcom ha disposto che L’Eco della Stampa debba rimuovere entro due giorni dal proprio servizio stampa e dai propri archivi gli articoli del Sole 24 Ore che contengono l’indicazione “riproduzione riservata”. Il gruppo editoriale contesta al servizio la violazione della disciplina in materia di copyright. Un precedente sul quale la Fieg farà leva per altri casi a difesa del diritto d’autore.

La pandemia moltiplica il ricorso all’e­commerce. Nel primo quadrimestre è stato usato per la prima volta da 2 milioni di italiani contro i 700 mila dello stesso periodo del 2019. Una crescita senza eguali secondo il Netcomm Forum Live, che evidenzia l’affermazione del click&collect e dell’e­commerce di prossimità.

«Google Meet, Microsoft Teams e WebEx raccolgono molti più dati del dovuto». Lo scrive la rivista no profit Consumer Reports: il suo sospetto è che i dati raccolti (come durata delle chiamate e indirizzi IP dei partecipanti) possano essere combinati con informazioni provenienti da altre fonti per creare profili personali sugli utenti e le loro abitudini di utilizzo, o persino potenzialmente utilizzare video per i sistemi di riconoscimento facciale. Tutte e tre le società hanno dichiarato a Consumer Reports di creare registrazioni o trascrizioni video solo quando i partecipanti le richiedono e hanno promesso che le registrazioni non sono “direttamente” utilizzate per la pubblicità.

A Milano la prima Fashion Week digitale. La rassegna si svolgerà online dal 14 al 17 luglio e il programma si articolerà in sfilate virtuali, presentazioni, “webinar” con addetti ai lavori, lectio magistralis e momenti di intrattenimento.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza