Editoria, Riffeser rilancia il fondo da 400 milioni: salvaguardare filiera che dà lavoro a 90mila persone

“Le notizie del rischio di cessazione di pubblicazioni di storiche testate editoriali con la conseguente perdita di posti di lavoro e di impoverimento del pluralismo dimostrano la necessità di interventi immediati e di risorse significative a fondo perduto per bilanciare la grave riduzione dei ricavi causata dall’emergenza Covid-19″. Il presidente della Fieg, Andrea Riffeser Monti, ripete così l’appello a tutte le forze politiche, al governo e al Parlamento per l’approvazione di interventi a sostegno del settore, rilanciando la proposta di un fondo di 400 milioni di euro per far fronte alle perdite derivanti dall’emergenza Coronavirus.

Andrea Riffeser Monti
(Foto ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

“Il fondo è necessario anche per accelerare la transizione al digitale e per salvaguardare la filiera dell’informazione che dà lavoro a 90000 persone, con l’impegno delle aziende ad offrire spazi di comunicazione per il rilancio del Sistema Italia”, prosegue Riffeser. “In questo momento così delicato, il Paese non può rischiare una drastica riduzione delle risorse necessarie per garantire la qualità dell’informazione fornita ai cittadini”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza