Un giovane su tre connesso a Internet per almeno 11 ore al giorno. Prima del lockdown solo il 15%

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

 

Gli Usa lavorano a una propria rete 5G per mettere fuori gioco i giganti cinesi. Colossi come Microsoft, AT&T e Dell si sono alleati per svilupparlo, senza escludere gli svedesi di Ericsson e i finlandesi di Nokia, che a Washington sono considerati quasi come le compagnie Usa e restano alleati fondamentali. Gli Stati Uniti – scrive oggi La Stampa – puntano soprattutto sul software, con cui sperano di aggirare Huawei e Zte, annullando di fatto il loro primato nel settore dell’hardware.

Un giovane su 3 è iperconnesso tutto il giorno. Il 35% dei ragazzi è online tra le 11 e le 14 ore al giorno: prima del lockdown solo il 15% (meno della metà) sfiorava le 10 ore sul monitor. Sono i numeri raccolti dall’Associazione nazionale per le dipendenze tecnologiche (Di.Te) con skuola.net. L’indagine fotografa la quarantena di oltre 9 mila ragazzi tra gli 11 e i 21 anni. «Già prima si abusava, ora la dipendenza digitale può esplodere», avvisa Giuseppe Lavenia, presidente Di.Te.

Il “business model” del New York Times ha retto all’urto del coronavirus. Da anni – scrive Repubblica – la strategia della più celebre testata giornalistica del mondo è stata di puntare con convinzione sulla crescita degli abbonamenti digitali, a scapito della pubblicità, che ora rappresenta solo un terzo del fatturato. Una scommessa che ha risollevato le sorti del quotidiano e arginato i danni del coronavirus. I dati del primo trimestre 2020: a dispetto del crollo degli introiti pubblicitari, scesi del 15 per cento, il giornale ha superato per la prima volta quota 5 milioni di abbonati digitali (600 mila quelli del 2020).

La quarantena forzata rilancia Ebay. La storica piattaforma ha registrato vendite record grazie al boom del commercio online e a prodotti introvabili altrove. Come il bidet, per il quale le vendite sono salite del +200%, le webcam (+2000%) o le macchine per fare il pane (+800%). Nel primo trimestre 2020, gli acquirenti attivi sulla piattaforma Ebay sono saliti a quota 174 milioni (+2%).

Xiami supera Apple nelle vendite in Italia. La classifica della vendita di smartphone in Italia vede al primo posto la coreana Samsung (38% del mercato, in calo del 24%), quindi Huawei (27% del mercato, in calo del 27%) e infine l’arrampicatrice Xiaomi (arrivata nel nostro Paese nel 2018) con il 16% del mercato e in crescita del 306%. L’americana Apple si deve ora accontentare della quarta posizione con il 5% del mercato (in calo del 70%).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tra vent’anni non ci saranno più giornali cartacei. La profezia di Mark Thompson: tra 10, massimo 15 anni New York Times solo digital

Tra vent’anni non ci saranno più giornali cartacei. La profezia di Mark Thompson: tra 10, massimo 15 anni New York Times solo digital

Secondo anniversario del crollo del Ponte Morandi. ‘Le voci di Genova’ in un emozionante video di LabGediDigital

Secondo anniversario del crollo del Ponte Morandi. ‘Le voci di Genova’ in un emozionante video di LabGediDigital

Tim, due terzi famiglie aree bianche raggiunta da banda ultralarga. Gubitosi: avanti con Risorgimento digitale

Tim, due terzi famiglie aree bianche raggiunta da banda ultralarga. Gubitosi: avanti con Risorgimento digitale