Anche la Premier League può ripartire. Dal Governo via libera a eventi sportivi dopo il 1° giugno

Dopo la Bundesliga, anche la Premier League può ripartire. È quanto ha deciso il governo presieduto da Boris Johnson, presentando oggi i dettagli della fase due della gestione per l’emergenza da coronavirus. Lo sport professionistico, e dunque anche il massimo campionato di calcio, potrà ripartire a porte chiuse ma solo dopo il primo giugno.

(Foto Ansa – EPA/PETER POWELL)

Entrando nel dettaglio sulle disposizioni, secondo quanto riporta la Bbc, il Governo ha stilato un documento in 50 pagine. Un secondo passo nella fase due prevede che solo dopo il 1° giugno siano consentiti “eventi sportivi e culturali da tenere a porte chiuse per i broadcast, col divieto di contatti sociali di larga scala”. Il documento non prevede tempi per un ritorno a partite col pubblico, anzi prevede che le porte degli stadi possano essere aperte solo “molto dopo, seguendo la linea dei contagi”.

A questo punto, tocca all’assemblea di Lega decidere le modalità di ripresa e come si svolgeranno le 92 partire che rimangono per portare a termine la stagione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nba draft: in videoconferenza l’evento annuale con la scelta dei nuovi giocatori

Nba draft: in videoconferenza l’evento annuale con la scelta dei nuovi giocatori

La cinese Vivo tra i partner di Euro 2020 e 2024

La cinese Vivo tra i partner di Euro 2020 e 2024

Mastercard rinnova la sponsorship globale della Uefa Champions League

Mastercard rinnova la sponsorship globale della Uefa Champions League