Tweet contro il Papa. Antonio Socci si dimette dalla scuola della Rai di Perugia

Antonio Socci si è dimesso da direttore della Scuola di giornalismo di Perugia, scuola di cui la Rai è socio fondatore e che vede tra i soci anche il Comune di Perugia, la Regione Umbria, l’università del capoluogo umbro, una fondazione bancaria. Lo apprende l’AGI. Le dimissioni sono legate al tweet ‘velenoso’ di Socci sul Papa, a cui sono però subito seguite le scuse pubbliche a Bergoglio da parte dello stesso giornalista-scrittore per le parole usate sul social e, per l’appunto, la rinuncia al ruolo di direttore della Scuola di giornalismo di Perugia.

Per la verità il mandato triennale era scaduto da qualche settimana e quindi Socci era in regime di prorogatio, e a quanto apprende l’AGI non pare che lo stesso Socci avesse intenzione di proseguire nell’incarico, ritenendo quindi conclusa questa esperienza alla Scuola perugina di formazione dei giornalisti presieduta da Antonio Bagnardi.

“Bergoglio corre in soccorso a Conte e si conferma il solito traditore asservito al potere”, diceva il tweet di Socci, parole che subito avevano alzato polemiche e spinto il Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Toscana ad annunciare l’intento di presentare un esposto al Consiglio di disciplina. Lo stesso Socci era poi tornato sull’argomento scrivendo ancora su Twitter, ma questa volta dicendo “ho usato toni e parole sbagliate di cui mi scuso, anzitutto con Papa Bergoglio”.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza