I vertici Gedi e i direttori delle testate del gruppo si riducono i compensi

Nei giorni scorsi gli organismi sindacali interni del gruppo GEDI sono stati informati che in questo contesto di grave crisi economica, il presidente e i Consiglieri di amministrazione della società hanno deciso di rinunciare ai compensi loro spettanti per l’esercizio corrente mentre l’Amministratore delegato ha rinunciato al 50% della propria retribuzione fissa per la parte restante dell’anno.

Scanavino e Molinari  (Foto Renato Franceschin/Blu Cobalto)

E’ stata inoltre proposta una riduzione, compresa tra il 10% e il 25 % in relazione alla retribuzione, anche a tutti i dirigenti di gruppo e direttori delle testate, che è stata accettata.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza