Costruire audience fedeli e innovare. La ricetta anti Covid di Thompson (Nyt): ora serve il miglior giornalismo

Se nel commentare i risultati del primo trimestre del New York Times non aveva nascosto un certo pessimismo sull’impatto che il Covid avrà sulla raccolta pubblicitaria, questa volta il ceo dell’editrice americana, Mark Thompson, sembra intenzionato a cogliere quanto di buono può nascere da questa situazione.

Secondo il manager l’epidemia non può che essere un’opportunità per dimostrare il valore delle notizie verificate e sottolineare il ruolo essenziale del giornalismo.

Mark Thompson (Photo Roberto Monaldo / LaPresse)

Parlando con la Cnn, Thompson si è detto consapevole delle difficoltà che realtà più piccole, principalemtne a livello locale, stanno affrontando, soprattutto per il calo della pubblicità. Ma una soluzione potrebbe essere cercare di costruire una propria audience, fidelizzandola, e diventando riconoscibili. La crisi potrebbe dunque dare l’occasione alle redazioni di innovare, ha detto, aggiungendo che al Times continuano le assunzioni nell’ambito del digitale.

“Riconosco che è molto difficile per altri media”, ha chiosato. “Ma devo dire che, se umanamente possibile, questo è il momento in cui il mondo ha bisogno del miglior giornalismo. Ha bisogno di redazioni che lavorino 24 ore su 24, 7 giorni su 7”. “Ora c’è bisogno di giornalismo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza