Lettera43 chiude, News 3.0 ha deciso. Paolo Madron lascia la direzione

Da qualche tempo girava come ipotesi, ora però si è concretizzata con la decisione del Cda di News 3.0 di sospendere dopo dieci anni, dal 15 maggio, la pubblicazione di Lettera43,il quotidiano online fondato e diretto da Paolo Madron. Motivo: Matteo Arpe, il finanziere che attraverso Sator controlla l’editrice non ritiene più sostenibile l’iniziativa, anche alla luce della situazione determinata dal Covid 19, dal punto di vista economico, oltre che per le ricadute di conflitto di interessi sulle altre sue attività.

Matteo Arpe (foto La Presse)

Con la chiusura di Lettera43 finisce anche la direzione di Madron che tanto ha investito sul giornale on line sia in termini di soldi, avendo sottoscritto una quota del capitale sociale alla fondazione dell’impresa editoriale, sia in energie professionali, impegnatosi oltre che come direttore e giornalista, anche come presidente e amministratore delegato di News 3.0.

Paolo Madron (Foto: Olycom)

Rimangono a disposizione almeno per ora i 13 giornalisti della redazione del sito.
Cosa accadrà della testata che sicuramente e’ un brand riconoscibile nel mondo dell’informazione su internet – a febbraio aveva 77.000 utenti unici al giorno, piazzandosi al 72esimo posto della classifica Audiweb – ancora non si sa. Si tratta infatti di trovare un acquirente interessato a diventarne l’editore. A Madron sicuramente le conoscenze non mancano, così come amici influenti.

Non ci saranno invece cambiamenti nella partecipazione di News 3.0 in Studio Editoriale – editrice di Rivista Studio, Undici e VO+ –che attraverso MoSt sole un business interessante producendo contenuti per alcuni importanti brand.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti