Twitter consentirà ai dipendenti di lavorare da casa per sempre

Twitter permetterà ai propri dipendenti di lavorare da casa “per sempre”. È quanto ha comunicato ai dipendenti l’amministratore delegato e cofondatore del social, Jack Dorsey. Nella nota il ceo ha spiegato che offrirà alla maggior parte dei lavoratori la possibilità di continuare a lavorare da remoto anche dopo la fine della situazione di emergenza causata dalla pandemia di Covid-19.

Dorsey ha precisato inoltre che i dipendenti non potranno tornare in ufficio prima di settembre e che tutti gli spostamenti saranno significativamente ridotti.

Jack Dorsey (Foto Ansa -EPA/JIM LO SCALZO)

“Gli ultimi mesi hanno dimostrato” che il lavoro da casa “può funzionare. Se i nostri dipendenti sono in un ruolo e in una situazione che consente loro di lavorare da casa e se vogliono continuare a farlo per sempre lo renderemo possibile”, ha spiegato poi la società sul suo blog. “Aprire gli uffici sarà una nostra decisione, quando e se i nostri dipendenti vogliono rientrare sarà loro”, mette in evidenza la società che cinguetta.

In passato il social media di San Francisco aveva già annunciato l’intenzione di promuovere le attività di smart-working tra lo staff, ma la crisi degli ultimi mesi ha accelerato i suoi piani.

Negli scorsi giorni anche altre big tech, come Facebook e Google, hanno deciso di prolungare la possibilità per i propri dipendenti di lavorare in smart working, per ora fino alla fino alla fine dell’anno.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti