Franceschini (Mibact): 4 miliardi per il turismo, 1 miliardo per la cultura. “Settori di importanza strategica”

E’ di 5 miliardi l’intervento previsto nel decreto rilancio per il settore del turismo e della cultura.
Lo ha detto il ministro per i Beni Culturali e il Turismo, Dario Franceschini, in videoconferenza stampa sui contenuti del Dl Rilancio per i settori della Cultura e del Turismo.

Gli interventi prevedono “4 miliardi per il turismo e 1 miliardo per la cultura e dimostrano che c’è la consapevolezza – emersa nel corso di questa emergenza coronavirus – dell’importanza strategica dei due settori, oltre al valore economico e alle caratterizzazione del sistema paese. E’ un riconscimento importante”.

Dario Franceschini (foto Olycom)

“Viene istituito un fondo di 210 milioni di euro per le imprese e le istituzioni culturali che servirà a sostenere il mondo del libro e dell’editoria, gli spettacoli, i grandi eventi, le fiere, i congressi e le mostre annullate a causa dell’emergenza coronavirus”. Ha aggiunto il ministro.

Per sostenere l’industria cinematografica si prevede anche la possibilità di assegnare “stanziamenti anche in deroga alle percentuali previste” per i crediti di imposta derivati dal tax credit cinema, sempre nei limiti delle risorse. Potranno essere finalizzate anche le risorse individuate per i contributi automatici e selettivi, ha detto ancora Franceschini.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%