Wpp Italia: Simona Maggini nominata country manager, Massimo Beduschi presidente

Cambiamenti in Wpp. Simona Maggini assume la carica di country manager per l’Italia, succedendo a Massimo Costa che ha deciso di dimettersi dal ruolo.
Maggini che manterrà il suo attuale ruolo di ceo di VMLY&R in Italia, è entrata a far parte di Y&R nel 2003. Ha ricoperto diversi ruoli di senior management e leadership tra cui quello di general manager di Y&R e VML Italy, prima di essere promossa ceo nel 2015. Ha anche svolto un ruolo di primo piano nello sviluppo di VMLY&R in Italia come agenzia di brand experience completamente integrata.

Nella sua carriera ha collaborato con molti clienti locali e internazionali di diversi settori, dalle telecomunicazioni al banking, all’industria alimentare e automobilistica.

Simona Maggini e Massimo Beduschi

Contestualmente, Massimo Beduschi viene promosso presidente di Wpp in Italia, essendo già chief operating officer del Gruppo dal 2016, e continuando a mantenere anche il ruolo di chairman e ceo di GroupM Italia.  Durante i suoi oltre 20 anni di carriera all’interno del gruppo, Beduschi ha ricoperto posizioni di rilievo tra cui chief financial officer di Mindshare Italy, cfo di GroupM Italy, executive chairman di Mindshare Italy e coo di GroupM Italy.

Nei suoi 25 anni con l’azienda, Costa ha ricoperto vari ruoli senior. Prima della sua nomina nel 2011 come country manager, è stato presidente e ceo del gruppo Y&R in Italia e tra il 2005 e il 2010 presidente e ceo di Y&R EMEA.  I ruoli precedenti includevano quello di vice-president di Y&R EMEA e client leader EMEA del cliente Colgate Palmolive.

Massimo Costa (foto: Canio Romaniello)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza