14 maggio Vivi e lascia vivere abbatte Salemme. Del Debbio stacca Formigli

Aveva di fronte la commedia in prima tv ‘Una festa esagerata’ su Canale 5, stavolta ‘Vivi e lascia vivere’, la fiction dell’ammiraglia pubblica con Elena Sofia Ricci che ieri si proponeva con alcuni snodi della storia notevoli: il ritorno del marito ‘morto’, una ‘prima volta’, un bacio gay.

Questo era il primo confronto cruciale, in una griglia generalista del 14 maggio che comprendeva altri due film, una nuova proposta di Maurizio Battista costruita sfruttando le teche, e quindi i talk del giovedì di Rete4 e La7. Ecco la classifica del prime time, in ordine di ascolti.

Su Rai1 la nuova puntata di ‘Vivi e lascia vivere’, con Elena Sofia Ricci, Massimo Ghini, Antonio Gerardi, Silvia Mazzieri, Carlotta Antonelli, Giampiero De Concilio nel cast, ha ottenuto 6,572 milioni di spettatori ed il 24,8% di share, in crescita di un punto e mezzo e con un quarto della platea tv.

Al secondo posto in graduatoria in prima serata, ma molto, troppo distanziata, si è collocata la commedia di Canale 5. ‘Una festa esagerata’, con Vincenzo Salemme, Tosca D’Aquino, Massimiliano Gallo ha raccolto 2,336 milioni di spettatori e 9,5% di share. Gli altri film? Su Italia1 ‘Hunger Games-La ragazza di fuoco’, con Jennifer Lawrence, Josh Hutcherson, ha avuto 1,480 milioni di spettatori e il 6,3%. Su Rai3 il classico ‘Nemico Pubblico’ con Will Smith, Gene Hackman, Jon Voight, Lisa Bonet, ha ottenuto 1,178 milioni di spettatori e il 4,5% di share.

Questo il bilancio, invece, e l’ordine di arrivo dei due talk d’informazione, con Paolo Del Debbio e Corrado Formigli, meno orientati sui temi Covid-19. Ha stravinto Rete 4.

Sul terzo gradino del podio si è installata saldamente sul podio la trasmissione di Paolo Del Debbio. ‘Dritto e Rovescio’, ha proposto tra gli ospiti Matteo Salvini, Maurizio Belpietro, Simona Mapezzi, Giorgio Mulè, Antonio Caprarica, Giuseppe Cruciani, Giovanni Donzelli, Luciano Casamonica, Gennaro Migliore, Pietro Senaldi, Francesca Fagnani, Karima Moual, Toni Capuozzo.

Così confezionato, parlando di decreto rilancio, Silvia Romano, mafiosi ‘liberati’, il programma ha conquistato 1,727 milioni di spettatori e l’8,3% di share, migliorando di oltre un punto il risultato della settimana precedente e staccando ampiamente la concorrenza.

Su La7 ‘Piazzapulita’ ha avuto tra gli ospiti Stefano Bonaccini, Antonella Viola, Paolo Gentiloni, Stefano Domenicali, Maurizio Landini, Federico Rampini, Mario Calabresi, Rula Jebreal, Carlo Calenda, Pierluigi Lo Palco, Gianfranco Vissani, Alessandra Moretti. Così confezionato il programma di Formigli ha riscosso 1,164 milioni di spettatori ed il 5,6%, in flessione di due decimali. Su Rai Due il format ‘Poco di tanto’, con Maurizio Battista ad attingere alle teche Rai, si è difeso male: 970mila spettatori e il 3,6%.

In access è andata molto bene Lilli Gruber, prevalsa, nell’ordine, su Barbara Palombelli e Manuela Moreno.

Su La7 ‘Otto e mezzo’, con Beppe Severgnini, Sebastiano Barisoni, Ranieri Guerra e Teresa Bellanova ospiti, ha avuto 2,243 milioni di spettatori e 8,2%.

Su Rete4 ‘Stasera Italia’ con Massimiliano Fedriga, Oscar Farinetti, Alessandro Sallusti, Giampiero Mughini, Alberto Castelvecchi, ha ottenuto 1,495 milioni e il 5,6% nella prima parte e 1,781milioni ed il 6,3% nella seconda parte.

Su Rai2 ‘Tg2 Post’ con tra gli ospiti Maria Elena Boschi, Gennaro Sangiuliano, Giovanni Toti, ha raccolto 1,278 milioni di spettatori e il 4,5% di share.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza