Tlc: gli Usa prorogano il divieto di utilizzo di prodotti cinesi. Huawei e Zte tra le aziende coinvolte

L’amministrazione Usa ha prorogato di un anno l’ordine esecutivo del maggio 2019 che impedisce alle aziende americane di usare apparecchiature di tlc prodotte da Huawei, Zte e altre aziende cinesi, per evitare il rischio di cyberspionaggio.

La proroga, si legge nel documento pubblicato sul sito della Casa Bianca, deriva dal fatto che l’uso di prodotti informatici cinesi “continua a rappresentare una minaccia straordinaria alla sicurezza nazionale, alla politica estera e all’economia degli Stati Uniti”.

Il logo di Huawei (Foto Ansa – EPA/JENS SCHLUETER)

Il primo decreto risale al 15 maggio 2019 ed è stato seguito, il giorno successivo, da un provvedimento del governo che ha inserito Huawei nella “lista nera” del commercio Usa, impedendo al colosso cinese di comprare prodotti e servizi di aziende americane, inclusi i software di Google per gli smartphone.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

De Benedetti presenta ‘Domani’: liberale e democratico. Feltri: indipendente, non neutrale. In arrivo una Fondazione

De Benedetti presenta ‘Domani’: liberale e democratico. Feltri: indipendente, non neutrale. In arrivo una Fondazione