Editoria, Procura di Bari chiede il fallimento di Edisud, editrice della Gazzetta del Mezzogiorno

La Procura della Repubblica di Bari ha chiesto il fallimento della Edisud, la società editrice de La Gazzetta
del Mezzogiorno. Lo riferisce sul proprio sito lo stesso quotidiano, spiegando che “con l’istanza depositata in tribunale, il procuratore aggiunto Roberto Rossi ha chiesto altresì la concessione dell’esercizio provvisorio. La prima udienza è stata fissata il 9 giugno”.

Mario Ciancio Sanfilippo (foto Askanews)

Mario Ciancio Sanfilippo (foto Askanews)

“La decisione – si legge ancora sul sito della Gazzetta del Mezzogiorno – è arrivata in concomitanza con l’assemblea dei soci che è andata deserta. A mancare l’appuntamento strategico, ieri, è stata
la famiglia Ciancio Sanfilippo – proprietaria della quasi totalità delle azioni della Spa – alla quale spettava nominare il nuovo Consiglio di amministrazione. Mossa prevedibile, dopo l’annuncio di
volersi disimpegnare dalla gestione del giornale attraverso una procedura di liquidazione, che non si è potuta comunque realizzare”.

“Ma l’istanza di fallimento coincide anche – per un ineffabile scherzodel destino – con la pubblicazione del report dei dati Audiweb che conferma anche nel mese di marzo le ottime performance del sito de La
Gazzetta del Mezzogiorno certificando il raddoppio degli utenti unici medi giornalieri rispetto a febbraio e colloca la Testata al 42esimo posto nelle prime 100 testate on line nazionali. Dato da leggere anche
con i dati Audipress che confermano la leadership dell’informazione del giornale in Puglia e Basilicata”, conclude il quotidiano.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza