TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social e post più popolari. Le idi di marzo di Scanzi e Porro che detronizzano Mentana

Dopo sei mesi il re dei giornalisti sui social è stato detronizzato, non da uno ma addirittura da due pretendenti al trono. In aprile, secondo la classifica stilata per Primaonline da Sensemakers  sulla base delle rilevazioni di Shareablee, Enrico Mentana, è stato superato da Andrea Scanzi, “la rockstar del giornalismo italiano” (come si autodefinisce, citando non si sa chi, nella sua pagina Twitter) e da Nicola Porro, che più sobriamente si qualifica come “vicedirettore del @ilgiornale, conduttore televisivo e giornalista”, nonché rimestatore della solita “zuppa”, tutti i giorni sul blog nicolaporro.it. Due giornalisti molto diversi per idee e orientamento politico ma molti simili nella capacità di alimentare le polemiche, che sono l’ingrediente numero uno del successo sui social media.

Scanzi ha raggiunto 9 milioni di interazioni (like, commenti e condivisioni su Facebook, Instagram, Twitter e YouTube) e ben 41 milioni di video views su Facebook e Youtube. Numeri record ottenuti grazie anche alla presenza fissa su ‘Otto e mezzo’, il programma condotto da Lilli Gruber su La7, e agli articoli sul Fatto Quotidiano, oltre al frenetico attivismo sui canali social, in particolare con le video dirette di ‘#ScanziLive’ su Facebook.

Porro è secondo, alquanto distanziato: 2,6 milioni di interazioni e 19 milioni di video view. Quanto basta comunque per superare Mentana, che questa volta si deve accontentare di 2 milioni di interazioni (in marzo erano 700mila in più) e 487mila visualizzazioni di video.

Nella classifica dei ‘best performing post’ (vedi la seconda tabella), Mentana fino al mese scorso era il dominatore incontrastato, ma questa volta è sparito. Il vero mattatore in aprile è Scanzi che si aggiudica ben nove dei dieci post più performanti (uno se lo aggiudica Porro). In cima alla lista dei post più popolari una foto che Scanzi ha pubblicata su Facebook e che mostra l’avviso esposto da un edicolante: “In questa edicola da oggi, 23 aprile 2020, non è più in vendita il quotidiano Libero. Essendo meridionali inferiori non siamo in grado di capire gli arguti articoli di questa testata giornalistica indipendente”. Scanzi commenta: “Vi prego, ditemi subito il nome di questo edicolante. Genio indiscusso”. Questo post, pubblicato su Facebook ha raggiunto 237mila interazioni. Poco meno hanno totalizzato il secondo e terzo classificato: il video della puntata di #ScanziLive del 30 aprile, su Salvini, Renzi, Santelli, eccetera, e un’altra “diretta incazzatissima”, dedicata ancora una volta al leader della Lega.

Quarta nella classifica dei giornalisti è Marco Travaglio, sempre al centro di mille polemiche, che guadagna due posizioni rispetto a marzo. Scende di un gradino invece Selvaggia Lucarelli, che in aprile ha fatto molto discutere sui social per i suoi articoli sulle carenze della sanità lombarda pubblicati dal Fatto Quotidiano e da TPI. Un post al vetriolo di Filippo Facci su uno di questi articoli approderà nelle aule dei tribunali, ha assicurato Lucarelli: “Mentre ci si indigna per i contenuti di Telegram, un giornalista mi insulta scomodando le mie tette, dicendo che porto male e così via. Centinaia di like di uomini e donne. Per quel che mi riguarda, la mia risposta sarà un’azione civile e penale, anche per alcuni commentatori”.

Al sesto Posto Salvo Sottile, il conduttore di “MI manda Rai3”, il programma per la difesa dei diritti dei cittadini in onda tutte le mattine alle 10, che ha totalizzato 15 milioni di video view: solo Scanzi e Porro hanno fatto meglio di lui in questo campo.

Il direttore di Libero, Vittorio Feltri, è settimo, seguito dal giornalista Sky Sport Gianluca di Marzio, molto penalizzato per quanto riguarda le video view dal blocco degli eventi sportivi. Chiudono la top ten altri due giornalisti sportivi, Alfredo Pedullà e Fabrizio Biasin.

Una sola novità tra gli ultimi cinque nomi in classifica: il ritorno di Gad Lerner, che in aprile è tornato anche in tv con ‘La scelta. I partigiani raccontano’, uno speciale in otto puntate su Rai3 per far rivivere la resistenza e la lotta al fascismo nel 75esimo anniversario della liberazione.

 

IN CASO DI RIPRESA DELLE CLASSIFICHE SI PREGA DI CITARE E LINKARE LA FONTE PRIMAONLINE.IT 

_________________________________

NOTA METODOLOGICA
Classifica dei Top Giornalisti Italiani per interazioni sui contenuti pubblicati dagli account ufficiali dei
giornalisti italiani nel mese di riferimento.
Su Facebook sono considerati account ufficiali esclusivamente le pagine pubbliche.

INTERACTIONS
Somma complessiva delle interazioni realizzate dai contenuti nei 7 giorni successivi alla data di
pubblicazione nel mese di riferimento, nel dettaglio:
– reactions, commenti, share su Facebook,
– like e dei commenti su Instagram,
– like e dei retweet ricevuti su Twitter,
– like, dislike, commenti su Youtube.

VIDEO VIEWS
Somma delle visualizzazioni dei contenuti video pubblicati su Facebook e Youtube nel mese di riferimento.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali