Google: possibile causa dal Dipartimento di Giustizia Usa per violazione di norme antitrust

Condividi

Il Dipartimento della giustizia degli Stati Uniti e un gruppo di procuratori generali intendono citare in giudizio Google per violazione di norme antitrust. Lo segnala l’agenzia Dow Jones Newswires, citando fonti a conoscenza dei fatti.

Nello specifico, il Dipartimento di giustizia si sta muovendo per intentare un’azione legale all’inizio dell’estate, mentre secondo le fonti alcuni dei procuratori, guidati dal procuratore generale del Texas Ken Paxton, intenderebbero muoversi in tal senso nel prossimo autunno.

Sundar Pichai (Foto EPA/Toni Albir)

Gran parte delle indagini condotte dagli Stati in merito alle pratiche di Google si sono incentrate sulle sue attività pubblicitarie online. L’azienda controlla lo strumento dominante di ogni link nella complessa catena tra editori e inserzionisti online. Il Dipartimento di giustizia stesso sta rendendo Google e la sua tecnologia uno dei suoi punti di forza. Nonostante ciò, il DoJ teme che il colosso del tech possa sfruttare la posizione dominante del proprio motore di ricerca per soffocare la concorrenza.

Le azioni legali, qualora venissero perseguite, potrebbero rappresentare una minaccia diretta alle attività di Google e classificarsi tra i casi antitrust più significativi della storia degli Stati Uniti, accanto a quello intentato contro Microsoft negli anni ’90.