Uspi lancia sul suo canale Fb “Il mercoledí degli Editori”. Primo ospite il capo del Dipartimento Editoria, Ferruccio Sepe

E’ “Il mercoledí degli Editori” l’ultima iniziativa lanciata dall’Uspi per aprire ed approfondire il dibattito sul settore editoria. Si tratta di un punto di incontro aperto sul sito Fb dell’Unione guidata da Francesco Saverio Vetere, che ogni settimana, a partire dalle 18 e per 30 minuti, si propone di porre sul tavolo i principali temi che muovono il dibattito su editoria e giornalismo, mai cosí agitato da trasformazioni e crisi, e di parlarne con i principali interlocutori, anche istituzionali. Il primo ospite sará infatti il capo dipartimento Editoria di Palazzo Chigi, il consigliere Ferruccio Sepe, con cui si approfondirà il tema dell’intervento dello Stato nel settore, e con cui si esamineranno anche le ultime norme specifiche contenute nel decreto Rilancio.

Il segretario generale Uspi Francesco Saverio Vetere

“In questa fase di emergenza Coronavirus i giornalisti hanno reso ben chiaro a tutti qual è la loro grandissima importanza e funzione – osserva Vetere presentando l’iniziativa -. Ora bisogna capire come si può aiutare il loro lavoro, perché possano continuare a svolgere il loro compito”. “Parleremo di volta in volta dei più disparati argomenti: vendite, pubblicità, emergenza Covid, ruolo dello Stato a sostegno dell’editoria, rapporti con gli Ott. E’ un ulteriore canale di conoscenza anche dell’editoria cartacea e online. In un momento di grandi trasformazioni conoscere è fondamentale” conclude Vetere.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza