Editoria, Poligrafici Editoriale sostiene le imprese con finanziamenti a tasso zero per investimenti pubblicitari

Poligrafici Editoriale ha promosso un programma di finanziamento agevolato di sostegno a imprese e professionisti, per favorire la ripartenza dell’economia nazionale, per ridare credito al futuro e allo sviluppo del territorio.

Il gruppo editoriale ha proposto agli istituti di credito che operano sul territorio italiano di collaborare per offrire un sostegno concreto alle realtà economiche, che sono la forza del nostro paese e che in questo momento sono più colpite dalle conseguenze della pandemia.

Un contributo reale e immediato, spiega il gruppo, per chi non si arrende e vuole promuovere, su carta e on line, la propria attività.

Sara Riffeser Monti

‘E’ soprattutto in momenti di grandi sfide come quello che stiamo affrontando – ha dichiarato Sara Riffeser Monti, Presidente della SpeeD – che dobbiamo essere vicini ai nostri clienti, per rafforzare il grande rapporto di collaborazione instaurato nel corso di questi anni. Crediamo fermamente nella forza della comunicazione, strumento indispensabile per trasmettere al mercato il notevole impegno che tante aziende stanno mettendo per non fare mancare i prodotti e servizi che ci possono aiutare a tornare alla normalità. Abbiamo, perciò, concordato con gli istituti di credito che hanno sposato questo progetto una forma di finanziamento da concedere ai clienti inserzionisti, che otterranno risorse finanziarie a “tasso zero” perché la Poligrafici Editoriale si farà carico del costo degli interessi.’

Andrea Riffeser Monti

‘La Poligrafici Editoriale ha fatto di tutto per fornire senza interruzioni il proprio servizio di informazione, sia su carta che on line, ai propri lettori, e questo ha consolidato lo storico legame di fiducia che ci lega. – ha proseguito Andrea Riffeser Monti, Presidente della Poligrafici Editoriale – Il nostro obiettivo ora è quello di aiutare le piccole e grandi aziende, gli artigiani e i professionisti a far di nuovo girare il proprio business, per farci sentire come sempre al loro fianco, e diventare un acceleratore che gli permetta di ripartire e far ripartire l’Italia. Ringrazio Emilbanca, Banca Centro, Banco Marchigiano e La Cassa di Ravenna che per prime hanno creduto in questa nuova modalità di finanziamento e che, sono certo, saranno presto affiancate da altri importanti protagonisti del credito italiano.’

“Abbiamo aderito a questo progetto con convinzione perché ci permette di sostenere sia le imprese, che attraverso la pubblicità hanno voglia di rilanciarsi dopo un periodo molto difficile, sia l’informazione di qualità, prodotta da redazioni serie, con giornalisti capaci e responsabili, vero antidoto al proliferare delle fake news” ha affermato il Direttore Generale di Emil Banca, Daniele Ravaglia.

“Nella delicata fase di uscita dall’emergenza sanitaria Banca Centro vuole ancora una volta confermare la sua presenza attenta e attiva nelle aree di competenza in Toscana e Umbria- ha sottolineato il Presidente Palmiro Giovagnola -. Aderendo a questa nuova iniziativa vogliamo aggiungere ai numerosi interventi già in essere un’ulteriore occasione per consentire all’economia dei nostri territori di ripartire prima possibile: investire sul futuro vuol dire anche raccontare il valore delle nostre aziende, i prodotti dei nostri territori e l’ingegno dei nostri soci e clienti. L’accordo siglato con la Poligrafici Editoriale vuole andare in questa direzione, affiancando le imprese nella comunicazione della loro specificità e valorizzando le nostre eccellenze”.

“E’ un periodo molto delicato per il tessuto economico e imprenditoriale – ha ribadito il Direttore Generale del Banco Marchigiano, Marco Moreschi – e ripartire deve diventare un imperativo. Anche attraverso la pubblicità che “è l’anima del commercio”, come disse qualcuno che di imprenditoria qualcosa ne capiva. Ben vengano, dunque, iniziative come quella promossa dalla Poligrafici Editoriale attraverso la quale ci auguriamo che si rimetta in moto la dinamica virtuosa che lega la produttività e l’economia del Paese con gli investimenti pubblicitari. Noi, come Banco Marchigiano, non possiamo non renderci disponibili a collaborare per interventi lungimiranti come questo, finalizzati a tendere una mano agli imprenditori. In ultimo vorrei fare una riflessione a sé, ringraziando tutto il mondo dell’informazione: non credo ci sia qualcuno che, in cuor suo, non abbia apprezzato il fatto che, nonostante tutte le enormi difficoltà di questo periodo, il sistema dell’informazione non si sia mai fermato. E in questo, devo dirlo, non è stato da meno neanche il sistema bancario”.

Il Direttore Generale della Cassa di Ravenna Spa, Nicola Sbrizzi, ha dichiarato: “La Cassa di Ravenna Spa è in prima linea per sostenere la ripresa ed è assai lieta di contribuire a questa lungimirante iniziativa. E’ intenzione della Cassa di Ravenna Spa dare impulso con nuove energie finanziarie al tessuto imprenditoriale, dando la possibilità ad imprese e professionisti che vogliono promuovere, in questa difficile fase, la propria attività, di azzerare il costo del finanziamento finalizzato ad acquisto di spazi pubblicitari. In un periodo economico così complesso, aggravato dall’emergenza sanitaria e sociale, la proposta dimostra la vicinanza della Cassa di Ravenna alle aziende per sostenerle nell’emergenza economica”.

Le attività interessate potranno chiedere informazioni dettagliate telefonando al numero 02 57577417 oppure scrivendo a tassozero@speedadv.it.

L’iniziativa sarà promossa sui mezzi del Gruppo Poligrafici Editoriale. La creatività è interna.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs.  “Nuovo percorso professionale”

Raimondo Zanaboni lascia la guida della pubblicità Rcs. “Nuovo percorso professionale”

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali