Michelangelo Suigo nuovo direttore relazioni esterne e comunicazione della nuovissima Inwit Spa, il colosso italiano delle Torri

Il tempo di assistere e contribuire ad organizzare l’insediamento della nuova governance di Leonardo Spa, di cui da un anno è senior vice president government affairs, e Michelangelo Suigo il 1 giugno passerà a Inwit come direttore relazioni esterne e comunicazione.
Nei fatti avrà la responsabilità delle relazioni istituzionali (nazionali, locali e Bruxelles), media relations, corporate comunication (eventi, sponsorship…) e della sostenibilità, a rapporto del ceo Giovanni Ferigo.

Suigo torna a lavorare nel mondo delle telecomunicazioni che conosce molto bene essendo stato per 19 anni  a Vodafone (entrato all’epoca di Vittorio Colao amministratore delegato, e uscito con Nick Read, attuale capo del gruppo). Un rapporto che ha segnato la sua vita professionale, e sembra non volerlo lasciare anche se da lontano. Sembra infatti un segno del destino che Vodafone sia il colosso delle tlc che a fine marzo  ha completato la fusione tra Vodafone Towers e Inwit di Telecom Italia, dando vita a Inwit Spa (Infrastrutture Wireless Italiane), primo tower operator italiano che tra i suoi compiti avrà quello “di supportare Tim e Vodafone Italia S.p.A. nella realizzazione del nuovo network per lo sviluppo del 5g, garantendo inoltre a tutto il mercato l’accesso alle proprie infrastrutture anche grazie agli spazi liberati dal progetto comune di Tim e di Vodafone”, come è scritto sul sito del nuovo gruppo quotato in Borsa, che capitalizza 5.787.miliardi di euro.

Michelangelo Suigo

La storia professionale di Suigo, che è nato a Torino nel 1969, si è sempre sviluppata a Roma, a parte tre anni a Milano all’inizio del lavoro in Omnitel, con una straordinaria linearità per le esperienze accumulate. Lo si vede bene dal suo curriculum: laureato in Economia e Commercio all’Università degli Studi di Roma La Sapienza, giornalista pubblicista dal 2001; dal 1995 al 1999 lavoro al Senato come esperto di tecnica legislativa, occupandosi di telecomunicazioni, emittenza radiotelevisiva, industria, trasporti e lavori pubblici. Nel 1998 ottiene il diploma al master in studi superiori legislativi ISLE.
Ma è in dicembre del 1999 il passaggio al mondo dell’impresa con l’assunzione a Omnitel, poi Vodafone Italia, dove ricopre ruoli di crescente responsabilità nell’area external affairs, fino al ruolo di head of governmental & institutional affair. Nel marzo del 2019 Suigo accetta l’incarico a Leonardo Spa dove nell’anno a seguire partecipa al clima delle grandi performance con il fatturato in crescita a 1,3 miliardi, +12% sul 2018, e il risultato netto 822 milioni, + 61%.

Nel cv di Suigo non poteva mancare l’insegnamento che gli piace particolarmente, per cui è docente di Lobbying e Public Affairs nei principali master in Lobbying e comunicazione di impresa, come ad esempio alla Business School della Luiss, alla 24 ORE Business School, all’Università di Tor Vergata, alla Suor Orsola Benincasa e alla Lums.
Legato all’attività di testimonianza e divulgativa il capitolo intitolato ‘Lobbying e Public Affairs’ , che fa parte del ‘Manuale di Comunicazione integrata e reputation management’, curato da Gianluca Comin, e edito dalla Luiss University Press.
Suigo è stato anche consigliere di amministrazione di Civita e del Centro Studi Americani, è tra i fondatori del think tank La Scossa, di cui è stato presidente per due mandati, da maggio 2015 ad aprile 2019.
Sul fronte sportivo è componente del Comitato strategico della Lega Pro.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza