- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

Calcio, Figc: avanti campionati di A, B e C e fine competizioni entro 20 agosto. Prossima stagione al via dal 1° settembre

La stagione sportiva 2020/2021 avrà inizio il prossimo 1 settembre. Lo ha stabilito il Consiglio federale riunito oggi a Roma. “La Figc – è scritto nel comunicato diramato al termine della riunione – ha espresso la volontà di riavviare e completare le competizioni nazionali professionistiche fissando al 20 agosto la data ultima di chiusura delle competizioni di Serie A, B e C.

Gabriele Gravina (foto ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

 

Precedentemente al riavvio dell`attività agonistica sarà competenza del Consiglio Federale determinare i criteri di definizione delle competizioni laddove, in ragione dell`emergenza epidemiologica da Covid-19, le stesse dovessero essere nuovamente sospese, secondo i principi di seguito indicati: individuazione di un nuovo format (brevi fasi di playoff e playout al fine di individuare l`esito delle competizioni ivi incluse promozioni e retrocessioni; in caso di definitiva interruzione, definizione della classifica anche applicando oggettivi coefficienti correttivi che tangano conto della organizzazione in gironi e/o del diverso numero di gare disputate dai Club e che prevedano in ogni caso promozioni e retrocessioni. Infine, per effetto di quanto deliberato, la stagione sportiva 2020/2021 avrà inizio il prossimo 1 settembre.

Per quanto concerne, invece, l`attività dilettantistica, ivi compresa quella femminile fino alla Serie B, valutate le condizioni generali e l`eccezionale situazione determinatasi a causa dell`emergenza Covid-19, il Consiglio ha deliberato di interrompere definitivamente tutte le competizioni, rinviando ad altra delibera i provvedimenti sugli esiti delle stesse competizioni. Resta fissato al 30 giugno il termine per la conclusione dell`attuale stagione sportiva. Per quanto riguarda la Serie A femminile, è stato deciso di verificare nei prossimi giorni le condizioni di ripresa, in base all`applicabilità dei protocolli sanitari da parte dei Club e alla disponibilità di contributi da parte della Figc”.